Blog

Dritte in cucina

Preparare il Kimchi in poche e facili mosse

Di FDL il

Share
Preparare il Kimchi in poche e facili mosse
Foto Jin Li / Flickr

Il Kimchi è una strabiliante preparazione coreana fermentata. Gustoso e leggero, si accompagna a tantissimi tipi di piatti, orientali e non, e può essere servito da solo come antipasto, nelle frittelle, come contorno e di secondi di carne e o semplicemente con un po' di riso: il kimchi è buono con tutto.

La ricetta tradizionale del Kimchi ovviamente richiede molta pazienza, ma in questa infografica qui sotto di The Online Grill la semplifica e la rende accessibile anche a chi è alle prime armi.

Avrete bisogno di 10 differenti ingredienti e di un paio di giorni per avere il vostro kimchi fatto in casa pronto da gustare.
Come sapete il piatto richiede la fermentazione, e per innescarla il cavolo o la verza deve essere messo in salamoia per circa 24 ore prima di aggiungere gli altri ingredienti. È proprio il processo di fermentazione che regala al piatto quella nota leggermente piccante che tutti adoriamo.

Presa visione degli ingredienti (alcuni sostituibili, come il Kochukaru) dovete inziare dal cavolo verza.

  1. Per preparare il vostro Kimchi dovete tagliare il cavolo in due pezzi e metterli in una ciotola abbastanza grande.
     
  2. Versate sale fino a quando l’ortaggio non ne sarà ricoperto.
     
  3. Aggiungete poi abbastanza acqua calda per sommergere il cavolo.
     
  4. Ricoprite con la pellicola alimentare e lasciate riposare il cavolo per 12/24 ore a temperatura ambiente.
     
  5. Dopo bisogna scolare tutta l’acqua in un colino e risciacquare con altra acqua fredda.
     
  6. A questo punto potete mettere tutti gli altri ingredienti e mescolare il tutto.
     
  7. Aggiungete poi il cavolo e con le vostre mani mescolate fino a quando è tutto omogeneo.
     
  8. Mettete tutto il vostro kimchi bello compresso in dei Bormioli da 2 litri.
     
  9. Lasciatelo in un ambiente scuro e abbastanza temperato per circa 24 ore. Alla fine aprite il barattolo e lasciate uscire i gas e mettete al fresco per almeno 48 prima di mangiarlo.

 

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags