Blog

News e Tendenze

30 Under 30: due chef italiani nella classifica di Forbes

Di FDL il

Share
30 Under 30: due chef italiani nella classifica di Forbes

Bisogna essere tenaci, caparbi e capaci per eccellere nella vita. Perché, per costruire il successo, bisogna lavorarci giorno dopo giorno, anche quando tutto il resto sembra remare in direzione (ostinata e) contraria. Ed è quello che hanno fatto e continuano a fare Floriano Pellegrino e Davide Caranchini, i due chef italiani selezionati da Forbes e inseriti nella classifica dei giovani "30 Under 30" più influenti d'Europa per il 2018. 

30 UNDER 30: LA CLASSIFICA

Ogni anno Forbes seleziona 30 giovani capaci, come si dice in gergo 'influencer', anche se di mestiere fanno tutt'altro e li inserisce nella prestigiosa classifica dedicata ai talenti mondiali. Al suo interno figurano ballerini, modelle, CEO e fondatori di progetti e aziende innovative, artisti, fotografi, musicisti e...chef. E tra i 30 talentuosi selezionati quest'anno figurano anche due italiani, Floriano Pellegrino, colonna portante dei Pellegrino Bros e Davide Caranchini.

FLORIANO PELLEGRINO

Floriano Pellegrino non passa inosservato. Nelle sue parole c'è passione smisurata per la cucina e per la terra, il Salento, in cui ha aperto - insieme al fratello Giovanni - Bros a Lecce. A completare una squadra appassionata c'è Isabella Benedetta Poti, pasticcera e sous chef di Bros, anche lei giovanissima e già nella lista dei 30 Under 30 più influenti d’Europa per il 2017. Nel curriculum Floriano ha collezionato esperienze che lo hanno formato, ispirato e guidato nelle scelte e nella direzione intrapresa in cucina: quella più significativa senza dubbio nelle cucina del Lasarte nei Paesi Baschi con Martín Berasategui, poi Noma, Eneko Atxa, Mugaritz.  La sua è una cucina affamata di perfezione ancorata alla loro regione, ma che sa volare altissimo. 

DAVIDE CARANCHINI

Davide Caranchini ha alle spalle esperienze degne di nota e mai scontate per un giovane di 27 anni. Da Heinz Beck a Michel Roux, passando per René Redzepi, Davide cerca l'ispirazione nel bagaglio gustativo che si porta da casa. Alla guida di Materia, ristorante a Como, Davide Caranchini dialoga con il pop e i sapori della tradizione come si farebbe con il migliore dei giochi: divertendosi. Dell'eredità di Redzepi ha trasposto in cucina piatti che si basano su erbe spontanee, mentre l'amore per una cucina più vegetale va "imputato" allo chef Heinz Beck de La Pergola

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

 

Tags