Blog

News e Tendenze

Guida Michelin 2015: tutto quello che c'è da sapere sulle nuove stelle

Di FDL il

Share
Guida Michelin 2015: tutto quello che c'è da sapere sulle nuove stelle
Foto Fine Dining Lovers

Guida Michelin 2015, l'edizione è di quelle importanti: la Rossa, punto di riferimento per l’alta ristorazione in tutto il mondo, festeggia il 60esimo anniversario. Tante le novità relative alle nuove stelle assegnate ai ristoranti inseriti nella Guida Michelin 2015. Nessun nuovo ristorante ha ricevuto la terza stella (confermati gli otto tristellati del 2014), mentre sono due i nuovi ristoranti a conquistare la seconda stella: Il Piccolo Principe di Viareggio (LU) e la Taverna Estia di Brusciano (NA).

Sono invece 27 i ristoranti premiati dalla Guida Michelin 2015 con una nuova stella. Mammà di Capri, Relais Blu di Massa Lubrense, President di Pompei, Il Flauto di Pan a Ravello, Il Tino a Lido di Ostia, i romani Aroma e Stazione di Posta, Sarri a Borgo di Prino, Il Saraceno di Cavernago, Lido 84 a Gardone Riviera, Berton a Milano, Iyo di Haruo Ichikawa sempre a Milano, Umami di Antonio Borruso, La Gallina di Gavi, Locanda di Orta di Fabrizio Tesse, Del Cambio di Matteo Baronetto a Torino, Cappero a Vulcano, I Pupi di Bagheria, Il Bavaglino di Terrasini, Le Tre Lune a Calenzano, Winter Garden e La Bottega del Buon Caffè a Firenze, La Torre di Macherio, Silene a Seggiano, L'Imbuto di Cristiano Tomei, Feva di Castelfranco Veneto, la Macelleria Damini ad Arzignano (VI).

In totale sono 332 i ristoranti stellati inseriti nella Guida Michelin 2015: l'Italia è il secondo paese più stellato del mondo. E - bella notizia - siamo il paese con il maggior numero di donne stellate, 47 su 110 nel mondo. I tempi cambiano, le guide si adeguano: insieme alla classica guida cartacea è stata presentata alla stampa anche l’app Guida Michelin Ristoranti, scaricabile dal 7 novembre e completamente gratuita.

L'edizione 2015 vede anche diverse perdite di stelle. Tra i ristoranti che passano da due a una stella ci sono Il Desco di Verona e Il Pellicano, a causa del cambio di chef.

Ma cosa ci vuole per essere valutati positivamente dalla Rossa? Sergio Lovrinovich, curatore della Guida Michelin dal 2013, in una recente intervista, ha dichiarato qual è la ricetta perfetta: "Freschezza della materia prima, tecnica dello chef, personalità, corretto rapporto qualità/prezzo, regolarità e costanza della cucina". Siete d'accordo?

Qui tutte la lista completa delle nuove stelle regione per regione inserite nella Guida Michelin 2015:

Tutte le Foto: ©Fine Dining Lovers

Tags