Blog

News e Tendenze

#SPYoungChef 2018, 8 top chef mondiali per un menu a spreco zero

Di il

Share
#SPYoungChef 2018, 8 top chef mondiali per un menu a spreco zero

Mentre il nuovo S.Pellegrino Young Chef Yasuhiro Fujio inizia lentamente a realizzare che è lui il miglior chef under 30 del mondo, per la competizione è tempo di volgere al termine: quale modo migliore per concludere due giorni di sfide gastronomiche se non con una cena di gala memorabile, preparata da otto tra i migliori chef del mondo?

Dietro ai fornelli sono stati infatti gli stessi Sette Saggi della giuria di S.Pellegrino Young Chef 2018, che hanno messo a punto un menu a zero wast insieme allo chef Massimo Bottura, intervenuto durante la premiazione finale per raccontare il suo impegno contro lo spreco alimentare attraverso il progetto Food For Soul. La cena è stata l'occasione anche per i 21 finalisti di rilassarsi dopo due giorni di competizione serrata.

Foto: i piatti di Massimo Bottura

Massimo Bottura ha esordito con un chawanmushi di primavera (una sorta di crema di uova giapponese) di verdure di stagione, miso di pasta all'uovo e "brodo di tutto". A seguire Magarita Forés che ha preparato un piatto usando un'intera pianta di taro, dalle radici al gambo, passando per le foglie, servita con gamberetti essiccati e latte di cocco, usato per stufare anche le foglie. Il piatto è stato servito in una noce di cocco vuota. "Volevamo mostrare com'è possibile usare sia la pianta di taro dalla radice alla punta, che il latte di cocco per preparare molte cose diverse - nelle Filippine il cocco viene chiamato il frutto della vita", ha spiegato la Forés. 

Il piatto di Margarita Forés

Dopo di lei, Brett Graham, due stelle Michelin a The Ledbury, ha preparato un dumpling caldo di pasta madre con mostarda e rosmarino seguito da Paul Pairet dell'Ultraviolet, che ha scelto di usare i suoi ingredienti preferiti: ostrica cruda servita con una spuma marina al limone. "È così che amo mangiare le ostriche", ha commentato lo chef francese di base a Shanghai. 

Il piatto di Brett Graham

Il piatto di Paul Pairet

Ana Roš invece ha scelto la trippa come ingrediente principale per il suo piatto, cotta in succo selvatico e servita con un formaggio di Tolmin fermentato, fave e ortiche, mentre Dominique Creen ha scelto i grani e i semi, serviti con gel fermentati, erbe e fiori. 

Il piatto di Ana Roš

Infine Annie Féolde ha portato la sua carne toscana e ha scelto di servire la spalla di agnello Casentino con una composta di sette pomodori e pesto toscano, mentre a Virgilio Martínez l'arduo compito del dolce. Lo chef ha scelto un dessert a base di cioccolato dell'Amazzonia, facendo sì che tutti gli invitati tornassero a casa soddisfatti (e felici). 

Scoprite chi è il vincitore del Fine Dining Lovers People's Choice Award.

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags