Blog

News e Tendenze

Lo street food italiano più buono? Dove si mangia secondo il Gambero Rosso

Di FDL il

Share
Lo street food italiano più buono? Dove si mangia secondo il Gambero Rosso

Si fa presto a dire street food: non tutto il cibo di strada rispetta la tradizione e non tutto sembra buono come sembra. A venirci in soccorso la seconda edizione di Street Food del Gambero Rosso 2015, volume che guida il consumatore nei meandri del cibo di strada più buono in tutta italia.
I numeri di quest'anno: 400 indirizzi suddivisi per regione e 2 riconoscimenti speciali, Panino dell'anno (andato a Alimentari Da Panino) e Street Food da Chef (andato a Pino Cuttaia), e 21 indirizzi dove mangiare i prodotti migliori.

Da questi ultimi indirizzi abbiamo selezionato lo street food italiano della tradizione, dal Piemonte alla Puglia. 

Le Gofri piemontesi - Gofreria Piemonteisa (Piemonte)
Il miglior street food piemontese si trova a Torino. Le Gofri sono delle cialde fatte di acqua farine e lievito e assomigliano ai classi waffles. Tradizionalmente si mangiano con formaggi e affettati ma sono ottimi ovviamente anche dolci.

Foto: SmeRoma su Tripadvisor

La Focaccia Ligure - Pasticceria Priano (Liguria) 
Dove si mangia la migliore focaccia secondo il Gambero Rosso? Da Priano a Genova Voltri, dove ogni giorno si sforna la rinomata focaccia.

Foto: Pasticceria Priano

Gi Sciatt - Sciatt à Porter (Lombardia)
La Valtellina nel cuore di Milano: qui potrete trovare gli Sciatt, bignè fritti di grano saraceno riempiti di formaggio, messi in pratici coni da passeggio.

Foto: FB / Sciatt à Porter

La Piadina e non solo - Kalamaro Piadinaro (Emilia Romagna) 
Non c'è street food senza piadina, e la migliore è a Riccione da Kalamaro Piadinaro. Oltre la preziosa "pida" troverete anche fritti e addirittura il gelato allo squacquerone.

Foto: FB / Kalamaro Piadinaro Riccione

Il Lampredotto - Quello di Lorenzo Nigro (Toscana)
È lo street food toscano per eccellenza, e il migliore per il Gambero Rosso è quello preparato da Lorenzo Nigro che viene da una famiglia di lampredottai. Per assaggiarlo al momento dovete andare al Rivalta, locale patinato di Firenze.

Foto: FB / Lorenzo Nigro

Olive all'Ascolana - Le Pallette di Giorgio (Marche) 
Olive all'Ascolana fatte a mano? Le migliori sono quelle di Cavignano ad Ascoli Piceno, fatte senza l'ausilio di nessun macchinario; le olive fritte si fanno snocciolando, farcendo e impanandole una ad una. In più qui troverete varianti come quelle al formaggio, cremini e olive vegetariani.

Foto: FB / Le Pallette di Giorgio

La Porchetta - Antica Porchetta di Campli (Abruzzo)
La porchetta più buona dell'Abruzzo? Quella della ditta di Angelo Salvatore, cotta a legna e che potete trovare nei mercati nella zona di Teramo dal martedì al sabato mattina. I panini sono fatti con la Porchetta Camplese, che risale al X secolo A.C.

Foto: FB / Porchetta di Campli

Il Panino alla poverella - Mezza Pagnotta (Puglia)
Un panino farcito con materie prime povere. L'idea è di Mezza Pagnotta a Ruvo di Puglia che ha inserito in questo panino fiori di zucca, pomodoro, zucchine e menta selvatica.

Foto: FB / Mezza Pagnotta La Puglia Nel Panino

Tags