Blog

Smart Box

Il food design e non solo visto al Fuorisalone 2017

Di il

Share
Il food design e non solo visto al Fuorisalone 2017

Installazioni e presentazioni di nuovi oggetti di food design: durante il Fuorisalone 2017 ci siamo fatti incantare dalla creatività dei designer provenienti da tutto il mondo. 

Fra le aree che come sempre ci hanno dato spunti di riflessione Ventura Lambrate, che quest'anno ha condiviso i riflettori con la neonata Ventura Centrale. Qui abbiamo trovato i progetti più sperimentali, fra scuole di progettazione danesi e designer giapponesi. 

Anche le 5Vie hanno dato ampio spazio alla tavola e al food design, fra servizi di piatti dipinti a mano e nuovi modi di concepire la conservazione del cibo. 

Ecco i nostri progetti e utensili da cucina preferiti visti durante il Fuorisalone 2017.

Fuorisalone 2017 - Ventura 

Super Supermarket (Ventura Lambrate)

Ultima foto: Roberta Abate

In Ventura Lambrate molto interessante l’istallazione della Design School Kolding che ha messo in piedi un piccolo supermercato dove tutti i prodotti erano creazioni di design: diversi materiali di scarto per simulare il contenuto di bottiglie di vino, uova, cavolfiori e frutta. Tutto messo insieme in packaging assolutamente verosimili. Lattuga e cavoli sono fatti con carta da forno poi colorata, mentre lo yogurt e il tiramisù sono stati fatti con scarti di visone provenienti dai laboratori di pellicceria della Danimarca.

Pika Planta Jar  (Ventura Lambrate)

In questi barattoli di vetro vive una piantina di caffè arabica raccolta a mano. La pianta all’interno ricicla l’acqua e l’aria, adattandosi all’ambiente e rimanendo in salute e crescendo. Non c’è bisogno di dare acqua, perché si nutre da sola.
Qui il sito con più informazioni.

Deeper Paper (Ventura Lambrate)

Il designer giapponese Kairi Eguchi ha portato al Fuorisalone 2017 il suo progetto Deeper Paper, per il quale utilizza materiali di scarto di cibo e dell'industria alimentare per creare un materiale ex novo, una sorta di carta/tessuto che può prestarsi a diversi utilizzi. Il processo include i cartoni del latte e avanzi di cibo (chicchi di caffè tostato, scorze d'arancia) che vengono polverizzati. In seguito viene creato uno stampo grazie a una stampante 3D e da lì viene creata la carta. 

Foto: Roberta Abate

Growroom - l'Orto Verticale allo spazio Ikea (Ventura Lambrate)

Lo abbiamo visto già qui, l'orto verticale dell'Ikea, che nello spazio di Ventura Lambrate ha ricostruito quello che è diventato a tutti gli effetti un tormentone del web. Nello spazio Ikea era possibile anche entrare all'interno dell'orto, per vivere un momento bucolico e isolarsi dall'ambiente circostante.

Foto: Roberta Abate

Sea Food Mobile (Ventura Centrale)

Portare il mare in Stazione Centrale, o meglio nei tunnel adiacenti alla stazione: è successo con la Sea Food Mobile, la prima Kitchen Boat mai realizzata in grado di galleggiare. Un prototipo per la prima volta presentato a Milano e nell'enorme spazio dei Magazzini Raccordati a Ventura Centrale, uno dei distretti più interessanti della settimana del Fuorisalone 2017. La Sea Food Mobile ha servito sandwich di pesce, birra e cocktail con tanto di ombrelloni e sdraio per sognare il mare almeno per un istante. 

Foto: Roberta Abate

Fuorisalone 2017: 5Vie, Brera e Porta Romana

Quali progetti di Food Design sono stati presentati negli altri distretti del Fuorisalone 2017?

Diamo un rapido sguardo prima alle 5Vie, con le sue proposte chic, passiamo rapidamente da Brera per il Toilet Paper Bar e infine scendiamo a Porta Romana. 

Farm Life e Be a Frida collection (5Vie)

Sette piatti ispirati alla vita nella fattoria: un po' di sana ironia a tavola con illustrazioni su porcellana by Consueloc. Della stessa designer anche un'interessantissima serie dal titolo Be a Frida, due piatti coloratissimi che ritraggono la pittrice messicana. 

Foto: Roberta Abate

Save food from the fridge (5Vie)

Di questo progetto avevamo già parlato qui, ma durante il Fuorisalone abbiamo avuto modo di scoprire altri pezzi della stessa linea: date un occhio alla Leafy Base, supporto di marmo alla cui base si versa un po' d'acqua per far rimanere la verdura fresca e umida. Il progetto dello studio Jihyun David, di base a Torino, punta non solo su una corretta conservazione del cibo senza l'ausilio di frigorifero, ma anche sull'eliminazione degli sprechi casalinghi: vedendo la frutta e la verdura in cucina non ci si scorderà di consumarla, come avviene purtroppo quando si conserva tutto nel frigo. 

Qui il sito di Save food from the fridge

Foto: Roberta Abate

Toilet Paper Bar (Brera)

 

Un post condiviso da Marta Prandi Details 📷 (@martaprandi) in data:

Una settimana con il Toilet Paper Bar: la rivista pop di ricerca artistica di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari da tempo collabora con Seletti per una linea di utensili da cucina in latta con stampe. E per la Milano Design Week nello spazio curato da Wallpaper, in via della Moscova 28, la rivista ha addirittura aperto un proprio bar a tema, con tutti i tratti iconici della sua estetica, fra vecchi tavoli e sedie in formica, biliardino e tanto di stampa di spaghetti al sugo sul pavimento. 

Jean Jullien x Case Studyo (Porta Romana)

Durante Hungry for Design - nuovo evento in Porta Romana per il Fuorisalone -  abbiamo avuto modo di scoprire alcuni incredibili pezzi di food design. Nel nuovo spazio di  via Muratori in Porta Romana ci siamo innamorati del servizio di Jean Jullien, designer franco-inglese, per Case Studyo: i Face Plates, piatti di porcellana irregolari di diversi colori e dimensioni. La particolarità? Le pennellate di Jullien che riproducono espressioni e visi. Perfetti per una mise en place meno convenzionale del solito.

Qui il sito del progetto.
 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags