Blog

Lo voglio

La cucina di Napoli in un libro, tradizione che attraversa la storia

Di il

Share
La cucina di Napoli in un libro, tradizione che attraversa la storia

Proprio come la canzone, la cucina napoletana va oltre la tavola e, nei secoli, si è trasformata in un vero e proprio linguaggio per trasmettere l'essenza dell'ospitalità e della convivialità partenopea. Imbastire un pranzo o una cena napoletana è sinonimo di festa e aggregazione.

Lo sa bene Maria Teresa Di Marco, che dopo le sue pubblicazioni sulle cucine regionali di Lazio, Toscana, Trentino Alto Adige, Sicilia e Veneto, firma per Guido Tommasi Editore il volume La Cucina di Napoli insieme a Lydia Capasso, napoletana trapiantata a Milano, già autrice, tra gli altri, de Gli Aristopiatti e Gelati.

Sfogliando le 264 pagine di questo libro, tra le immagini di piatti dal tocco vintage, sarà evidente la ricchezza di contrasti che ha reso la cucina tradizionale napoletana tanto sfaccettata: proposte aristocratiche ereditate dalla corte borbonica, come timballi, sartù e raffinata pasticceria d’influenza palesemente francese, si alternano alle portate più povere ma ugualmente gustose e ormai iconiche tra cui diverse minestre e primi piatti al pomodoro.

Senza dimenticare le proposte di pesce, dalle vongole alla ricetta del baccalà, e la pizza che qui è declinata in molteplici varianti rispetto alla classica ricetta della pizza margherita che tanto ci è familiare.

Ampio spazio viene infine meritatamente dedicato ai dolci, dalla zeppola all’immancabile pastiera, protagonista indiscussa delle ricorrenze.

La Cucina Di Napoli
di Lydia Capasso e Maria Teresa Di Marco
Guido Tommasi Editore

25 euro

Tags