Blog

Lo voglio

Kit di sopravvivenza per foodie: Stefania Corrado e il suo primo libro di cucina

Di FDL il

Share
Kit di sopravvivenza per foodie: Stefania Corrado e il suo primo libro di cucina
Foto Brambilla / Serrani

Versatilità delle materie prime e delle tecniche: il libro di Stefania Corrado tende a questo, ovvero alla dimostrazione che tutto in cucina si può trasformare e che i medesimi ingredienti possono dare vita alle ricette più disparate. Il primo libro di cucina della chef italiana di origini torinesi si intitola Da uno a Infinito (edito da Gribaudo, con foto di Francesca Brambilla e Serena Serrani), e nasce per essere un kit di sopravvivenza per amanti della buona cucina.


La multitasking chef, così si autodefinisce Stefania, nasce a Torino ma si trasferisce a Milano per seguire prima una laurea in economia e poi un lavoro nella comunicazione. Dopo arriva la voglia di mettersi in gioco in cucina, con l'intento di creare una "suo" stile, per quanto difficile possa essere. Inizia così il suo percorso freelance che la porta ad occuparsi di cene, catering ed eventi.

Come multitasking chef, o meglio come cuoca multitasking, mi trovo a cucinare nelle situazioni più diverse, nei luoghi più disparati, per pochi o per molti, sulla terraferma o in mezzo al mare. Da qui nasce l’idea di presentare idee e soluzioni per accogliere i propri ospiti con ricette e piatti che possano essere declinati per 2 persone o per 250, con qualche piccolo trucco. Un kit di sopravvivenza per chi vuole rendere speciale l’arte del ricevere e l’evoluzione del concettoo di catering tradizionale che diventa dinamico, presentato da una cuoca con la valigia.

Nel libro Stefania parla di ricette e trasformazioni: una piatto può diventare la pietanza perfetta per incontri intimi, e in un attimo può prendere le sembianze di appetitoso finger food.

Ad aprire il suo libro e a precedere le sue ricette, gli amici e i colleghi di Stefania: Davide Oldani, Aurora Mazzucchelli e l'immancabile Eugenio Boer, che chiude il suo intervento nel libro con un "Brava, amica mia!".

Eccole poi le ricette: si parte dai sapori di ogni stagione e si va avanti secondo lo schema "per pochi" (4 persone), "per molti" (6 persone) e "per tutti" (10 persone).  Le rape possono diventare Declinazione di Rape (pasta fresca ripiena), Vellutata o Miniquiche ai porcini e sedano rapa.

Un manuale di sopravvivenza in cucina e una chef multitasking da quale farsi ispirare.

Qui intanto trovate alcune delle ricette contenute nel suo libro. 
 

Tags