Blog

Lo voglio

Il termometro wireless per cucinare alla perfezione la carne

Di il

Share
Il termometro wireless per cucinare alla perfezione la carne

Volete che la vostra carne sia sempre cotta a puntino sia che la cuciniate in padella, che nel forno, oppure sulla griglia?

Oggi il vostro desiderio diventa realtà con Meater, il primo termometro wireless intelligente che misura contemporaneamente sia la temperatura delle vivande che quella dell’ambiente, grazie a due sensori sensibilissimi e tecnologici.

Come si usa

Il termometro wireless, distribuito in Italia da iPerGO, è pratico e semplice da usare. Prima di tutto bisogna inserire la sonda nella carne, poi installare e aprire sul proprio device la Meater App, disponibile gratuitamente per il download anche in italiano su Apple Store, Google Play, Amazon e Alexa Skills.

A questo punto, l’applicazione richiederà di selezionare la tipologia della carne - a scelta tra bovina, equina, ovina, di maiale e persino pesce - il taglio e la propria preferenza di cottura, per poi fornire una stima precisa del tempo necessario per ottenerla.

Il cuoco potrà, quindi, allontanarsi dalla cucina senza "perdere il controllo" della pietanza che sta preparando. Se si utilizza il Bluetooth sarà necessario restare ad una distanza di circa 10 metri da forno, padella o grill a gas e di 3 metri da smoker e barbeque, mentre, collegando il device ad una rete WiFi o al Cloud si potrà ottenere una portata wireless ancora più estesa e cucinare anche a grande distanza.

Come è fatto

Il termometro Meater è in acciaio inossidabile e contiene due sensori che misurano la temperatura della carne (max 100°C) e la temperatura dell’ambiente circostante (max 275° C), ovvero della fonte da cui proviene il calore. Ha un'autonomia di circa 24 ore e può essere ricaricato attraverso una base in legno.

Ti abbiamo incuriosito?

Guarda anche 6 semplici trucchi per rendere più tenera la carne

Quanto è importante il grasso quando si cucina la carne? Vieni a scoprire la scienza del grasso della carne 

I falsi miti in cucina sulla carne

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags