Blog

Dritte in cucina

Burro: le curiosità svelate in 8 numeri

Di il

Share
Burro: le curiosità svelate in 8 numeri

Ingrediente essenziale di tanti piatti, il burro, nella sua golosa semplicità, nasconde un sacco di segreti. Scopriamoli attraverso i suoi numeri.

3000  a.C. il periodo a cui si fa risalire l’origine del burro. È di allora, infatti, un bassorilievo sumero, ora conservato nel museo di Bagdad, che raffigura la mungitura delle vacche e la preparazione del burro. Mille anni dopo, invece, la popolazione degli Arii diede vita al burro chiarificato: metteva a cuocere del burro a bagnomaria per eliminare l’acqua presente e la caseina. Nacque, così, il noto ghi (o ghee).

21 milioni di tonnellate di burro prodotte nel mondo in un anno. Sono ottenuti a partire da circa 663 milioni di tonnellate di latte, di cui 424 vengono destinati ai prodotti caseari.

59%  della produzione mondiale di burro è consumato dal mercato asiatico, dove la tendenza è in continua crescita dal 2010, tanto da arrivare a una previsione di incremento del 19% per il 2020. In seconda posizione troviamo la Comunità Europea, col 19%, mentre in terza il Nord America, con un consumo pari al 10%.

7,3  miliardi di dollari è stato il giro di affari del mercato del burro nel 2017 (ultimo dato disponibile). Sulla base dei dati di esportazione, è la Nuova Zelanda a vantare il primato, col 18.4%. È seguita da vicino dall’Olanda (15.7%), Irlanda (13.7%), Germania (9.2%), Belgio (8.5%). I primi 15 paesi di questa classifica esportano il 93.9% della produzione mondiale di burro. L’incremento maggiore spetta all’Ucraina (520%), seguita da Regno Unito (124%) e Polonia (81%).

23 chili la quantità minima di latte necessaria per ottenere un chilo di burro. La quantità varia in base al tipo di latte e di produzione. Sono due i metodi di preparazione più diffusi: per affioramento e per centrifugazione. Nel primo si lascia a riposo il latte per 8-12 ore, fino a quando la parte grassa si separa e viene quindi lavorata. Nel secondo, il processo è meccanico e la separazione avviene utilizzando, appunto, delle centrifughe.
Una volta ottenuta la parte grassa, questa viene prima pastorizzata a 90-100 °C, poi filtrata e lasciata raffreddare per 2-4 ore. La crema ottenuta è quindi posta in appositi agitatori meccanici, da cui si ottiene il burro vero e proprio, che viene infine lavato con acqua fredda e amalgamato.

82%  la quantità minima di grasso presente nel burro tradizionale, che può salire anche al 85-86% a seconda della qualità. Esistono dei burri a basso tenore di grasso, dove la percentuale scende a 60-62, anche se in alcuni casi si arriva addirittura al 40%.

5  sono i principali tipi di burro. Abbiamo quello classico e quello salato, che si distinguono solo per la presenza o meno di sale. Poi c’è il burro anidro, con un massimo dello 0,1% di acqua e il 99.8% di grassi. Il burro chiarificato o ghi, invece, ha grassi pari al 99.6%. Infine c’è il butteroil, molto simile all’anidro e con grassi al 99.6%.

150  grammi di burro servono per preparare la salsa olandese, una delle più apprezzate per accompagnare uova, pesce e carni bianche. Poi servono tre uova a temperatura ambiente, 20 grammi di succo di limone, due cucchiai di acqua, sale e pepe. Mettete in un pentolino tuorli, acqua e sale e sbatteteli con una frusta a bagnomaria, per dieci minuti circa. In un’altra pentola sciogliete lentamente il burro, e aggiungetelo alla salsa a filo, sempre sbattendo con la frusta. Non appena la salsa è densa, aggiungete limone, pepe ed eventualmente regolate di sale. Va servita subito.
 

Ti abbiamo incuriosito? Scopri anche la scienza delle paste al burro

E' un ingrediente cardine della cucina indiana. Scopri come fare il burro chiarificato in casa.

Segui un'alimentazione vegana? Ecco anche 8 sostituti vegetali del burro

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags