Blog

Dritte in cucina

Caldarroste, street food buono anche a casa

Di FDL il

Share
Caldarroste, street food buono anche a casa
Foto Giuseppe Moscato / Flickr

Le caldarroste sono un esempio classico di street food tradizionale italiano. Dalla fine di settembre, quando inizia la raccolta delle castagne, vengono arrostite sul fuoco portando sulle strade di molte città i classici cartocci dei venditori ambulanti.

Chi ama molto le castagne può provare ad arrostirle a casa, meglio ancora se avete a disposizione un camino. Per non bruciare le castagne basterà seguire qualche piccolo accorgimento.

  • Se volete raccogliere le castagne personalmente, ricoratevi che dovrete lasciarle asciugare per qualche giorno prima di arrostirle. Quelle che si comprano al supermercato di solito sono già asciutte.
  • L'incisione che si pratica sulla parte più bombata di ogni castagna serve a evitare che esplodano per la pressione dell'umidità che contengono, le castagne incise in questo modo si dicono "castrate".
  • Per arrostire le castagne serve una padella apposta, con il fondo bucherellato e un manico molto lungo, accertatevi che il vostro camino abbia tutto quello che serve per sospendere la padella sopra il fuoco. Se invece di usare il camino le arrostirete sul fornello, usate anche uno spargifiamma. Le castagne vano rigirate spesso durante la cottura.
  • Un trucco per non ritrovarsi con alcune castagne bruciacchiate e altre troppo al dente è sceglierle tutte di dimensioni omogenee.
  • Più rapida e intensa è la cottura, meglio è: sarà più facile sbucciarle e perderanno meno umidità, mantenendo un sapore e una consistenza più golosi.
  • Subito dopo la cottura i contadini usavano avvolgerle in grandi foglie di cavolo e lasciarle riposare per qualche minuto. Voi potete usare dei panni inumiditi. È un trucco che serve a mantenerle più morbide e a sbucciarle più facilmente.
Tags