Blog

Dritte in cucina

Cicale di mare: proprietà, curiosità e ricette

Di FDL il

Share
Cicale di mare: proprietà, curiosità e ricette
Foto © StockFood / Eising Studio - Food Photo & Video

La cicala di mare è un crostaceo della specie Squilla mantis e viene considerata molto pregiata. La cicala di mare misura circa 20-25 cm, è di colore bianco-grigio con dei riflessi rosati. E’ facile da riconoscere grazie a due caratteristiche macchie ovali, di colore tra il nero e il violaceo – simili a die grandi occhi - presenti sulla coda. Appartengono a una famiglia diversa rispetto a quella di scampi, gamberi e aragoste

 La cicala di mare viene comunemente chiamata in tanti modi diversi, tra cui canocchia, magnosella o batti batti.
La cicala di mare è diffusa nel Mediterraneo ed abbastanza comune in tutta la nostra penisola, tanto è vero che prende “nomi” diversi anche a seconda della località: in Veneto viene chiamata "canocia" in Veneto, in Campania "sparnocchio", “astrea” in Sicilia e"caraviedde" in Puglia.

Scegliete sempre cicale di mare freschissime. Dovranno essere di un bel colore tra il bianco-rosato-grigiastro: fate attenzione che non ci siano macchie gialle. Per pulire le canocchie, o cicale di mare, lavatele sotto l’acqua corrente e sbollentatele per 2-3 minuti in acqua bollente. Scolatele, e, quando non saranno tiepide, tagliate con una forbice le pinne ventrali e, dal basso verso l’alto, risalite fino a eliminarle tutte. Tagliate anche la coda, la punta delle chele e la parte della corazza dorsale che sporge lungo il fianco della cicala, in modo da riuscire a sollevarla delicatamente e a toglierla. Dopo l’operazione, la polpa della cicala resterà allo scoperto. Potete anche semplicemente inciderle sul dorso se volete cuocerle con il carapace (come si fa con i gamberi).

Pixabay

Le proprietà delle cicale di mare

Le canocchie sono dei crostacei. Per 100g di prodotto contengono circa 70,68 calorie. Come i crostacei in generale, apportano proteine ad alto valore biologico ma bisognerebbe fare attenzione in caso di problemi di salute in quanto contengono colesterolo. A livello di microminerali contengono sodio, potassio, ferro, calcio e fosforo.

La cottura delle canocchie (cicale di mare) in padella

Dopo aver pulito le canocchie, appoggiatele su un foglio di carta assorbente in modo da scolare l’acqua in eccesso. Tamponatele bene. Versate l'olio extravergine di oliva in una padella ampia, aggiungete gli spicchi di aglio leggermente schiacciati e fate profumare a fuoco moderato per qualche minuti. Quando l’olio sarà caldo, adagiate le cicale di male stese nella padella e soffriggete per 2-3 minuti a fuoco vivace. Sfumate con il vino bianco, abbassate la fiamma e cuocete per altri 3 minuti. Scuotete bene la padella durante la cottura in modo che le cicale di mare cuociano uniformemente e non si attacchino. Servite con un contorno di insalata o di zucchine trifolate o al vapore. 

La cottura delle canocchie (cicale di mare) al forno

Per cucinare le cicale di mare al forno, pulitele, tamponatele e adagiatele in una pirofila di ceramica unta di olio. Aggiungete sulle cicale di mare un mix di pangrattato, prezzemolo tritato, il sale ed il pepe, e, se vi piacciono i sentori agrumati, un po’ di scorza di limone grattugiata. Finite con un filo di olio. Cuocete forno a 200° per 5 minuti. Passato questo tempo, lasciatele 3 minuti sotto il grill in modo che il pangrattato si possa abbrustolire. Servite con insalata mista o verdure grigliate.

La cottura delle canocchie (cicale di mare) bollite

Preparare le cicale di mare bollite è molto semplice. Fate bollire l’acqua in una pentola capiente. Quando sarà in ebollizione, mettete all’interno le canocchie e fatele bollire per 5-7 minuti. Scolate le canocchie e, quando si saranno intiepidite, tagliate con una forbice la corazza sulla schiena. Potete anche mangiare in “purezza” per gustarne appieno il sapore, condite un filo di olio extravergine, un pizzico di pepe e di sale. Sono ottime anche con prezzemolo tritato e un po’ di succo di limone.

La ricetta gourmet

Lo chef Davide Pezzuto del ristorante stellato D.One ci propone una ricetta con le cicale di mare che unisce la croccantezza dei granetti (un tipo di pasta preparatacon la farina e la semola) a una saporita estrazione di canocchie, alla crema di burrata e alla crema di cascigni (erbe spontanee) e alla passata di pomodoro.

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

 

Tags