Blog

Dritte in cucina

Costine di maiale: come cucinarle al vapore, alla griglia e non solo

Di FDL il

Share
Costine di maiale: come cucinarle al vapore, alla griglia e non solo
Foto StockFood

Le costine di maiale sono uno dei tagli più succulenti e amati del maiale. Comunemente chiamate anche costolette, spuntature e puntine, oltre ad essere buonissime sono anche economiche e facili da preparare, tanto è vero che si trovano in molte tradizioni regionali italiane.

In Toscana e nell'Alto Lazio è molto famosa la rosticciana o rostinciana, un piatto a base di costine cucinate alla griglia su un fuoco di carbone o braci di legna. 

Negli Stati Uniti dal costato vengono ricavati due tagli di costine (le famose ribs): le Baby Backs, taglio lungo 12 cm partendo dall'osso spinale, dove le costole sono più piccole e incurvate (quindi più tenere e con più carne sopra l'osso), e le Spare Ribs, dal taglio finale delle baby backs, fino ad arrivare all’attaccatura dello sterno (con più carne tra un osso e l'altro, più ricche di grasso e tessuto connettivo).

Dnva3000 - Pixabay

Le costine di maiale in padella

Per preparare le costine in padella in modo semplice, si fa soffriggere l'aglio in camicia, un rametto di rosmarino e qualche foglia di salvia in un abbondante giro di olio. Si aggiungono le costine di maiale e si lasciano insaporire a fuoco altro per circa due minuti per lato. Si sfuma con cognac o vino bianco secco, si aggiungono due bicchieri di acqua e si abbassa la fiamma, facendo cuocere a fuoco basso per circa 45-50 minuti. 

Le costine di maiale al forno

In questo caso è necessaria la marinatura per rendere la carna tenera e saporita. In un contenitore mixate olio di oliva, aglio schiacciato, cipolla a pezzi, pepe nero e vino rosso. Se amate le spezie, potete aggiungere anche un cucchiaino di paprika. Lasciate riposare in frigorifero per almeno 8 ore o ancora meglio, per tutta la notte. Se preferite, potete sostituire il vino con la birra

Trasferite le costine con una parte del liquido della marinatura filtrato in una teglia e mettete in forno già caldo a 200 gradi a cuocere per circa mezz'ora. Le costine devono risultare croccanti e dorate. 

Amate l'agrodolce? Allora spennellate le costine, prima di metterle in forno, con un mix di miele, zucchero di canna, succo di limone, paprika, sale e pepe.

Il contorno perfetto per questo piatto sono le patate al forno, le cipolle caramellate o la verza. 

Le costine di maiale al vapore

Pixabay

Sicuramente non si tratta di un piatto "light", ma la cottura al vapore permette di cucinare le costine senza aggiungere ulteriori grassi. Iniziate col marinare la carne in un mix di birra, aglio e rosmarino oppure, se avete voglia di sapori orientali, in un composto a base di salsa di soia, qualche pezzetto di zenzero, e un pizzico di sale e zucchero. Se cercate più "carattere", unite anche un pizzico di peperoncino. Lasciate marinare per 4 o 5 ore. 

Accendete il fuoco, aspettate che l'acqua bolla e che si formi il vapore nell'apposita padella o nella vaporiera. Lasciate cuocere a vapore per circa 30 minuti. Se volete, potete aromatizzare l'acqua di cottura con qualche pezzetto di zenzero. 

Le costine di maiale alla griglia

RitaE - Pixabay

Il punto di partenza resta la marinatura, a base di olio extravergine, vino rosso, spicchi d'aglio, e aromi vari. Le costine devono restare immerse nella marinaura per circa 8 ore, o ancora meglio, per una notte intera. Una volta trascorso il tempo, scolate e asciugate le costine, e posizionatele su una griglia ben calda per circa 15 - 18 minuti. Giratele a metà cottura. Si deve formare una bella crosticina dorata all'esterno. Servitele ben calde accompagnate dalla vostra salsa preferita: maionese, ketchup o salsa barbecue per un tocco agrodolce. 

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags