Blog

Dritte in cucina

Come cucinare il gombo

Di FDL il

Share
Come cucinare il gombo

Il gombo (anche chiamato okra) è uno di quegli alimenti che tutti abbiamo sentito nominare, ma poi non ne conosciamo la provenienza o il gusto. Oggi noi di Fine Dining Lovers vogliamo rivelarvi tutto quello che dovete sapere su questo frutto e su come cucinarlo. 

Cos'è il gombo?

Il gombo è il frutto di una pianta proveniente dall'Africa. Appartiene alla stessa famiglia dell'ibisco, della malva e del cotone. Ha un bel colore verde e una buccia sottile, liscia o leggermente lanuginosa, ma comunque commestibile. All'interno contiene molti semi, anch'essi commestibili.

Infine, il gombo contiene anche una sostanza gelatinosa che fuoriesce quando viene tagliato a rondelle o a spicchi. Proprio per questa caratteristica è usato per addensare zuppe o stufati.

Anche se è stato usato per secoli, ora il gombo è utilizzato principalmente in Africa, India, nella Antille, in Sud America, nel Medio Oriente e in Louisiana.

Che gusto ha il gombo?

Il gombo ha un sapore sottile e molto poco pronunciato, un po 'come le melanzane. L'ideale è sceglierlo 3 o 4 giorni dopo la sua apparizione sulla pianta per un frutto tenero ma deciso. Se il gombo è troppo maturo, sarà molto appiccicoso.

Come conservare il gombo?

Il gombo può essere conservato per 2 o 3 giorni in frigorifero avvolto in carta da cucina e inserito in sacchetto di plastica precedentemente forato.

Come si cucina il gombo?

Se il gombo presenta una leggera lanugine, strofinatelo con una spazzola per vegetali. Quindi lavate sotto l'acqua e scolate. A questo punto si rimuove l'estremità e si cucinano interi. Una volta pronti, si possono affettare a aggiungere alla zuppa o ad uno spezzatino. Un ottimo abbinamento è con cipolle, peperoni o melanzane per una "padellata vegetariana". Condite con curry, origano, limone o aceto.

Questi frutti sono ottimi anche brasati, bolliti, fritti, saltati in padella, marinati o cotti al vapore per una decina di minuti. Il gombo può anche essere consumato crudo in insalata condito con una vinaigrette.

Come cucinare i semi del gombo?

Se decidete di non mangiare il gombo intero ma tagliato a spicchi, potete rimuovere i semi, essiccarli e tostarli. Sono commestibili e possono diventare una decorazione originale.

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags