Blog

Dritte in cucina

Come pulire le capesante e cucinarle con gusto

Di FDL il

Share
Come pulire le capesante e cucinarle con gusto

Le capesante sono dei molluschi bivalvi della famiglia Pectinidae (genere Pecten e specie P. jacobaeus). Sono chiamate comunemente anche conchiglie di S.Giacomo e sono una specialità molto pregiata dal punto di vista gastronomico. Si trovano in abbondanza nei fondali del Mediterraneo, dove si riproducono tra maggio e giugno.

Dal punto di vista nutrizionale, le capesante sono un alimento povero di grassi e contengono potassio, fosforo e sodio.

Come pulire le capesante

Delle capesante si consuma la noce (il muscolo, di colore bianco) e il corallo (gonadi) interni, mentre i visceri devono essere minuziosamente esclusi attraverso la pulizia e la lavorazione dell'animale. Il frutto è protetto da due conchiglie esterne "rigate" di colore screziato, una dalla forma più bombata e l'altra più piatta.

Le capesante vengono vendute vive e, quando le acquistate, accertatevi che il loro guscio sia ben chiuso. La "carne" all’interno deve essere soda e di un bel colore bianco candido, mentre il corallo di un arancione brillante.

Per pulire al meglio le capesante mettetele in una ciotola con acqua fredda salata per circa 30-40 minuti. Una volta trascorso questo tempo, estraetele, e con l'aiuto di un coltellino, apritele con cura.

Con le mani protette dai guanti, staccate il muscolo (cioè la parte bianca), eliminando le parti scure e nerastre. Selezionate anche il corallo arancione.

Sciacquate le conchiglie e le parti commestibili del frutto sotto l'acqua fredda. Ora le capesante sono pronte per essere utilizzate in tutte le vostre ricette!

In commercio si trovano anche le capesante surgelate. Si tratta quasi sempre di prodotti già puliti e pronti all'uso (dopo il decongelamento). Vi basterà leggere e seguire attentamente le istruzioni sulle modalità di utilizzo.

Come cucinare le capesante

Le capesante si utilizzano molto sulla tavola delle feste e della domenica: una delle ricette più gettonate sono le capesante gratinate da cuocere al forno. La ricetta prevede che le capesante vengano scottate in padella con i cipollotti, tagliate a listarelle e mescolate con pan carrè bagnato nel latte, besciamella, prezzemolo, senape e tabasco. I gusci puliti vengono, poi, farciti con il composto, Si fa gratinare in forno con l'aggiunta di pan grattato. La punta di piccante regalata dal tabasco infonde al piatto una nota di carattere per un piatto ad alto tasso di gusto.

Ottime anche le capesante semplicemente scottate in padella, marinate o proposte sottoforma di carpaccio, un antipasto perfetto e semplice da preparare per la stagione estiva. Venite a scoprire come cucinare le capesante qui.

La ricetta: insalata estiva con le capesante

Pixabay

Le giornate si allungano e diventano sempre più calde. Pensate di non poter più mangiare le capesante? Certo che no! Le capesante, infatti, si prestano ad essere mangiate anche nelle golose e ricche insalate estive. Per iniziare, si prendono le noci di capesante e si scottano in padella due minuti per lato con olio extravergine di oliva, in modo che si formi la "crosticina" croccante. Aggiungete un pizzico di sale (solo alla fine) e lasciatele intiepidire (in modo che non "cuociano" l'insalata).

Una capasanta fresca - Pixabay

Preparate una misticanza di foglie miste, meglio se spesse e croccanti, visto che le capesante richiedono una buona masticazione. L'abbinamento semplice e perfetto? Con uova sode e pomodori Cuore di bue. Se volete rendere il piatto più ricco e goloso, aggiungete una cucchiata di salsa bernese.

Tags