Blog

Dritte in cucina

Come pulire i gamberoni

Di FDL il

Share
Come pulire i gamberoni
Foto StockFood

Nella "famiglia" dei gamberi (che sono dei crostacei) sono catalogate tante specie con diverse origini e dimensioni. Tra le varietà disponibili, ci sono i gamberi di fiume, di mare, i gamberetti e le mazzancolle, solo per ricordare le più note e importanti.

Nel linguaggio comune, i gamberi misurano indicativamente circa 20-22 centimetri, mentre con il termine "gamberoni", si indicano gamberi di dimensioni maggiori.  Dal punto di vista nutrizionale i gamberoni apportano, da freschi, circa 70-80 calorie per 100 grammi di prodotto pulito. Sono ricchi di vitamine del gruppo B e sali minerali, ma hanno anche un alto contenuto di colesterolo.

Come scegliere i gamberoni

Sicuramente è molto importante la fase di acquisto del prodotto: bisogna fare attenzione alla corazza esterna (carapace), che non deve presentare macchie scure. La testa deve essere attaccata al corpo e gli occhi devono essere lucidi. Non comprate gamberoni che sappiano di cloro o di ammoniaca: il gamberone fresco ha un odore delicato, salino e di mare. 

Una volta scelti i gamberoni migliori, sono tantissime le ricette per renderli golosi: sono ottimi in tempura, saltati in padella con olio extravergine e serviti con prezzemolo fresco, gratinati in forno con pangrattato ed erbe aromatiche, oppure accompagnati da salsa piccante. Se volete dare ai vostri gamberoni un tocco speciale, provate a marinarli in un mix di lime, aglio, cipolla, zenzero a coriandolo e poi cuoceteli sulla griglia.

Ma facciamo un passo indietro: vediamo prima di tutto come pulire i gamberoni per poi prepararli secondo la ricetta prescelta.

Come pulire i gamberoni

  • Prima di tutto sciacquate i gamberoni sotto l'acqua corrente, poi staccate la testa e le zampe con le mani. Basterà eseguire una lieve trazione. Per alcune preparazioni, potete lasciare la coda come "tocco estetico" (ad esempio per i gamberoni in tempura).
  • Una volta tolta la testa, sarà semplice, sempre con le mani, togliere il carapace (corazza esterna).
  • Per eliminare l'intestino, cioè il "filo nero" visibile, prendete un coltellino, incidente delicatamente il dorso del gamberone. Poi prendete un bastoncino o uno stuzzicadenti ed estraetelo delicatamente, senza romperlo. A questo punto i gamberoni sono perfettamente puliti e potete cucinarli secondo la ricetta che preferite.

Potete pulire i gamberoni anche senza togliere il carapace: basterà incidere il dorso tagliandolo con una piccola forbice ed estrarre l'intestino con un bastoncino, senza romperlo.

Infine, i gamberoni possono essere puliti anche da cotti: basterà scottarli qualche minuto in acqua bollente, lasciarli raffreddare, togliere con le mani il carapace, la testa e le zampe. Per estrarre l'intestino, incidente il dorso con un coltellino ed estraetelo delicatamente, sempre con l'aiuto di un bastoncino.

Come preparare il fumetto di pesce con gli scarti

Ricordate che gli scarti possono essere usati per preparare un ottimo fumetto di pesce, la base, ad esempio, per un risotto ai gamberoni o ai frutti di mare. Per prepararlo, fate rosolare la cipolla e il porro tritati nell'olio extravergine di oliva e aggiungete le teste e i carapaci dei crostacei. Fate rosolare a fuoco viviace per 2 o 3 minuti, sfumate col vino bianco, lasciate evaporare l'acol e poi coprite a filo con l'acqua. Aggiungete gli aromi: gambi e foglie di prezzemolo, pepe in grani, foglie di alloro. Lasciate sobbollire per circa un'ora, schiumando con una schiumarole durante la cottura. Filtrate con un colino a maglie strette. Usate il vostro fumetto per insaporire tutti i vostri piatti di pesce.

Vi abbiamo incuriosito? Le nostre ricette con i gamberi possono essere declinate anche con i gamberoni

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags