Blog

Dritte in cucina

Erbe Aromatiche in cucina: i consigli che non ti aspetti da Orto, Erbe e Cucina

Di FDL il

Share
Erbe Aromatiche in cucina: i consigli che non ti aspetti da Orto, Erbe e Cucina
Foto FineDiningLovers

Un orto casalingo: mai come in questi ultimi anni il desiderio di una piccola oasi verde fra le mura domestiche anima anche chi non si è mai sentito portato per la natura. Le piante aromatiche sono le più gettonate: basilico, timo, menta e, per chi ha la fortuna di possedere un bel terrazzo, qualche bell'ortaggio.

Ma quali sono le conoscenze base per riscoprirsi amanti di erbe aromatiche, o meglio, per imparare come coltivarle, conservarle e usarle in cucina? Ci siamo rivolti a una nuova e interessante realtà milanese: Orto, Erbe e Cucina.

Foto: FB / Erbe, Orto e Cucina

Il locale, in una traversa di Corso Genova non distante dalla movida dei Navigli, nasce come piccola bottega per la vendita delle erbe aromatiche più interessanti e meno conosciute. Poco a poco l'idea si è evoluta e all'"Orto" si è aggiunta anche la "Cucina" con menu di stagione profumatissimi, ricchi di erbe aromatiche, le stesse che vengono vendute in bottega.

Cucina prevalentemente vegetariana, dalla mattina alla sera, a parte qualche piccola concessione sul pesce. Orto, Erbe e Cucina prevede un menu attento e salutare, con qualche guizzo sorprendente, come la piccola parmigiana di melanzane o la degustazione di pesti abbinati a pesce. 

E poi eccole, le piantine aromatiche a disposizione per l'acquisto: non troverete mai le stesse varietà e lo stesso assortimento, quindi conviene capitarci spesso e farsi guidare dai ragazzi, sempre molto disponibili. 

Ad aiutarci ad esplorare meglio il mondo delle erbe aromatiche Mauro, calabrese e vivaista arrivato a Milano proprio per il progetto di Orto, Erbe e Cucina. A lui abbiamo chiesto dei consigli per chi si approccia al mondo delle aromatiche per la prima volta. 

Ecco cosa ci ha consigliato:

1. Disporre la piantine a pieno sole o meglio mezz'ombra

La posizione della aromatiche va pensata anche in base all'idratazione: se abbiamo tempo di innaffiarle regolarmente possiamo metterle in pieno sole, altrimenti il rischio è che si brucino le foglie.

2. Non mettere il sottovaso

Mauro sfata subito il mito del sottovaso: "Le aromatiche odiano il ristagno idrico, e in casa i sottovasi peggiorano la situazione delle zanzare". Allora come innaffiarle? In maniera costante e regolare. E se volete un'esposizione casalinga più elegante fate come da Orto, Erbe e Cucina e diponetele con un sacco di juta. 

3. Consumare le aromatiche fresche

In molti pensano che congelare le aromatiche non cambi le proprietà delle foglie. Purtroppo congelare in casa, ovvero senza un abbattitore e senza un repentino calo della temperatura, altera e degrada gli alimenti. Tendenzialmente è meglio consumare le piantine fresche e crude (alcune, ma non tutte, si prestano anche ad essere consumate cotte). 

4. Non congelarle
conservare aromatiche

A questo punto, allora, come conservarle? Mauro ci consiglia di mettere le foglie sott'olio, che cattura gli oli essenziali delle aromatiche. Nel caso del basilico, ad esempio, conviene tritare le foglie, metterle sott'olio, e poi usarle come condimento quando serve. Qui vi spieghiamo nel dettaglio come si fa.

5. Alcune aromatiche poco conosciute

Non esistono ovviamente solo basilico e timo; ci sono molte piante adatte alla coltvazione casalinghe che possono diventare un asso nella manica in cucina. Una è l'Ederina, chiamata così per il suo comportamento, anche se non fa parte della famiglia delle Edere, notoriamente tossiche. Poco conosciuta il Nasturzio, pianta dalle mille proprietà, molto amara e in genere considerata solo per i fiori, anche loro edibili. Ottimo per il sistema immunitario, per la digestione, buono nelle insalate. 

6. Abbinamenti in cucina

Su questo punto arriva in soccorso il giovane cuoco di Orto, Erbe e Cucina, che ci regala qualche dritta in cucina sull'uso e gli abbinamenti con e aromatiche. Il basilico rosso, ad esempio, è perfetto per il pesce e le carni rosse, ha una fragranza leggermenteamara e spezza la dolcezza del pesce. Il basilico al limone, invece, è adatto a pesce e verdure ed perfetto per le melanzane ripiene, mentre il basilico anice è più dolce, e lo si può quindi usare nelle verdure, ma soprattutto nelle patate.  

Se siete a Milano e volete acquistare le vostre erbe aromatiche o conoscere meglio la realtà gastronomica di Erbe, Orto e Cucina andate a trovarli in via Gaudenzio Ferrari, 3. 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags