Blog

Dritte in cucina

Pizze di primavera: 5 interpretazioni, tra colori e profumi di stagione

Di il

Share
Pizze di primavera: 5 interpretazioni, tra colori e profumi di stagione
Foto Instagram | Pignalosa Pizzeria

Aria di primavera al ristorante, ma anche in pizzeria. Le ricette di stagione abbracciano in maniera altrettanto invitante il gustoso emisfero dei lievitati, con tante proposte che portano sulla pizza le verdure dell’orto, ma anche le salse aromatiche e i prodotti aggiunti a crudo, tra sentori freschi, note verdi e colori vivaci.

Scoprite qui di seguito 5 pizze di primavera, per rifarsi gli occhi, ma soprattutto il palato, con i sapori e le sfumature della bella stagione.

La pizza al pesto di Gino Sorbillo

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da GINO SORBILLO ®️ (@sorbillo) in data:

Mediterranea, verde e profumata. La pizza Nonna Carolina, con fiordilatte, pomodorini e pesto artigianale di basilico, è diventata ormai un classico di Gino Sorbillo, il pizzaiolo partenopeo che ha portato l’arte dei pizzaiuoli napoletani (riconosciuta come patrimonio immateriale Unesco) in giro per il mondo: da via dei Tribunali a Napoli sino a Miami e New York, passando per Milano, Roma e Genova.

La pizza Primavera di Giuseppe Pignalosa

 

Una pizza che fa Primavera di nome e di fatto. L’ideatore è Giuseppe Pignalosa, alla regia di Le Parule a Ercolano e di Pignalosa Pizzeria a Salerno. Qui il suo soffice impasto viene farcito con vellutata di fave e fiordilatte campano, con la felice aggiunta di ricotta salata, pancetta, fave fresche e olio extra vergine di oliva all’uscita dal forno.

La pizza Nerano di Palazzo Petrucci

 

Prende il nome dalla tipica ricetta a base di pasta, zucchine e provolone la pizza Nerano preparata dal giovane Davide Ruotolo, il pizzaiolo di Palazzo Petrucci a Napoli, pizzeria dell’omonimo ristorante stellato guidato dallo chef Lino Scarallo. Il topping è a base di crema di zucchine, arricchita con Pecorino Romano, Provolone del Monaco e Grana Padano, fiordilatte e zucchine fritte (aggiunte all’uscita, assieme a olio e basilico).

La pizza con asparagi, fave e piselli di Salvatore Lioniello

 

È una sinfonia in verde la pizza nata dalla collaborazione tra Salvatore Lioniello della Pizzeria Da Lioniello di Succivo e lo chef del ristorante Josè di Torre del Greco Domenico Iavarone. La farcitura è a base di crema di asparagi, asparagi, fave e piselli saltati. All’uscita, vengono aggiunte burrata affumicata, zest di limone e menta, per un tocco fresco e aromatico.

L'Aria di Pane 'Parmigiana' di Renato Bosco

 

Cambiamo stile, con la pizza contemporanea di Renato Bosco. Con l’arrivo della primavera, il pizzaiolo del veronese Saporè farcisce la sua Aria di Pane, un impasto alto e soffice, con un mix che profuma di campagna. Ed ecco la Parmigiana, con salsa di pomodoro, mozzarella di bufala campana Dop, melanzane, Parmigiano Reggiano e basilico. Buona pizza di primavera a tutti!

Le verdi note di stagione vi appassionano?

Scoprite qui i nostri consigli per preparare un risotto primaverile, fresco e profumato


Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags