Blog

Food & Drinks

Favetta di Fratte Rosa. Nuovo presidio Slow Food nelle Marche

Di il

Share
Favetta di Fratte Rosa. Nuovo presidio Slow Food nelle Marche

Dopo quasi vent'anni di lavoro da parte dell'omonima associazione che l'ha tutelata e promossa, del Comune in provincia di Pesaro-Urbino e degli Agricoltori Custodi, che hanno conservato e curato la biodiversità di questa specie, è arrivato il riconoscimento tanto atteso: la Favetta di Fratte Rosa diventa presidio Slow Food.

Il 12 maggio 2018, durante l'annuale Festa della Fava di Fratte Rosa e dei Tacconi, la decisione è stata ufficializzata da Slow Food.

Favetta di Fratte Rosa | Caratteristiche

La Favetta o Fava di Fratte Rosa si semina nella seconda decade di ottobre; la maturazione del seme avviene agli inizi di maggio, quella del seme secco nella prima decade di giugno.

Il nome botanico è Vicia Faba Maior ed è una varietà autoctona, che si coltiva su un particolare tipo di terreno argilloso e ricco di calcare, presente in gran parte del territorio di Fratte Rosa, chiamato lubaco. Questa fava si distingue per il baccello corto che arriva a contenere un massimo di quattro semi, grandi e tondeggianti, particolarmente dolci e teneri anche a piena maturazione.

Ricca di polifenoli, proteine, fibre, vitamine e sali minerali, possiede straordinarie capacità anitiossidanti.

Favetta di Fratte Rosa | Dove si coltiva

L’areale di produzione comprende, oltre al territorio del comune di Fratte Rosa, gli altri comuni marchigiani di Barchi, San Lorenzo in Campo, Pergola e Mondavio.

Come abbiamo anticipato, alla Fava di Fratte Rosa, oggi riconosciuta come prodotto tipico della Regione Marche, viene dedicata nel secondo weekend di maggio, una festa annuale durante cui è possibile gustare i piatti della tradizione locale.

Volete scoprire come congelare la fave? Ecco la nostra guida.


Foto: Flickr.com/Luvjnx

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

 

Tags