Blog

Food & Drinks

L'elenco dei formaggi senza lattosio per non rinunciare a nulla

Di FDL il

Share
L'elenco dei formaggi senza lattosio per non rinunciare a nulla

Formaggi senza lattosio: sembra un controsenso – i formaggi sono fatti di latte – ma così non è. Contrariamente a quanto si pensa, chi è intollerante al lattosio non deve eliminare dalla propria dieta tutti i formaggi, ma solo una parte.

In linea generale quelli a pasta dura o extra dura non ne contengono, o ne contengono molto poco. Come mai? I più esperti lo sanno: il lattosio con la stagionatura si trasforma in acido lattico

Ma cos'è esattamente il lattosio? Uno zucchero che, se non si possiede l’enzima lattasi, è responsabile di scindere il lattosio in glucosio e galattosio, fermentando nella flora batterica dell’intestino.

I formaggi a pasta dura e semi dura sono i più sicuri perché durante la preparazione del formaggio – quando viene pressato per farlo diventare duro – il liquido (il siero) esce, così come il lattosio. In alcuni prodotti caseari può ovviamente rimanere una traccia ma, al contrario di alcuni formaggi freschi, i livelli sono bassi. 

Quindi no a mozzarella, burrata e ricotta, e benvenuto Parmigiano Reggiano 36 mesi e Pecorino stagionato. Ovviamente se siete intolleranti al lattosio dovrete in generale moderare il consumo dei formaggi, ma con alcuni di questi potete concedervi qualche scorpacciata. 

Vi lasciamo ad un elenco dei formaggi senza lattosio, ma ricordate sempre di controllare con il vostro medico la corretta alimentazione, soprattutto se avete intolleranze gravi. 

- PARMIGIANO REGGIANO

parmigiano reggiano

In molti sanno che il Parmigiano Reggiano può essere mangiato anche dagli intolleranti al lattosio, soprattutto se si superano i 30 mesi di stagionatura: a quel punto i livelli di lattosio sono infinitesimali, qualcuno dice inesistenti. 

- Grana Padano

Stesso discorso per il Grana Padano, che come nel caso del Parmigiano con le lunghe stagionature – 36 mesi soprattutto – non presenta più lo zucchero del latte. 

- EMMENTHAL

Siete fan del formaggio svizzero? Anche se avete scoperto di essere intolleranti potete addentarlo senza troppe preoccupazioni, così come Le Gruyère.

- PECORINO STAGIONATO

pecorino stagionato

Anche il pecorino, stagionato, può essere mangiato da chi ha un’intolleranza al lattosio: il suo livello dopo una lunga stagionatura - 30/40 mesi - è quasi nullo.

- FONTINA DOP

Insospettabile la Fontina che, come altri colleghi, non contiene lo zucchero del latte. Qui è la tecnica di caseificazione che interviene sulla composizione del formaggio: potrebbe comunque presentarne tracce – dipende dai produttori – ma tendenzialmente il suo valore standard è vicino agli 0 grammi.

- MASCARPONE

Il mascarpone non contiene lattosio – o ne contiene solo poche tracce – perché viene ottenuto dalla parte grassa della cagliata mentre il lattosio generalmente resta nel siero che viene scartato. Attenzione però al mascarpone al supermercato: alcuni possono contenere del latte aggiunto, il che li rende più morbidi e adatti alle preparazioni dolci.

In più non dovrebbero contenere lattosio:

- ASIAGO

- PROVOLA (dolce e piccante e affumicata)

- Robiola

- Caciocavallo

Formaggi che contengono poco lattosio

- Feta 

feta

Un formaggio fresco da poter mangiare? La feta, il formaggio greco perfetto per insalate e non solo (date un occhio qui alle ricetta con la feta). Qui il livello di lattosio è abbastanza basso da permettere a chi non soffre di grandissime intolleranze di mangiarne.

- Caprino

Nononstante l’aspetto da formaggio cremoso il caprino non contiene tutto il lattosio che pensiamo. Va comunque consumato con moderazione.

- Taleggio

Sul Taleggio le informazioni non sono chiare: sul sito del Taleggio Dop si legge che non c’è la sicurezza che sia privo di lattosio, e che il 30% dei taleggi testati ne mostra traccia dopo 35 giorni di stagionatura (ne conterrebbe solo lo 0,05%). Sicuramente non è un formaggio vietato per chi è intollerante, ma non fatene abuso.

- Yogurt 

yogurt

Lo yogurt nasce grazie alla fermentazione, fermentazione che riduce di molto le quantità di lattoso nel proodtto finale. Anche qui: se la vostra intolleranza è lieve potete anche mangiarlo spesso, ma consultate sempre il vostro medico per maggiori dettagli e consigli. Attenzione agli yogurt con aggiunta di creme di latte, molto diffusi in commercio.

Sono tanti altri i formaggi consigliati anche a chi ha un’intolleranza al lattosio, ma ricordate sempre di valutare caso per caso e di guardare bene gli ingredienti quando li comprate al supermercato. Come specificato alcuni prodotti potrebbero essere soggetti ad aggiunte di latte. 

 

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags