Blog

Food & Drinks

L'ostrica? Quella di Davide Oldani è destrutturata

Di il

Share
L'ostrica? Quella di Davide Oldani è destrutturata

Nella sua continua ricerca e sperimentazione gastronomica, lo chef Davide Oldani ha dato luce ad un nuovo piatto che si potrà gustare al suo ristorante D'O di Cornaredo.

Nella portata Ostrica Prestige Des Mers, piselli, mandorla e pepe agrumato, proposta nel menu di nove uscite Degustazione Armonia, lo chef prende l'ostrica, alimento da consumare in purezza per antonomasia, e ci gioca con sapienza, creando l'ostrica destrutturata

Il pregiato mollusco viene così ripensato al fine di esplorarne le diverse consistenze e i sapori, per condurre gli lo prova ad una nuova esperienza: ora si gusta il muscolo, ora si apprezza il corpo, in un gioco di rimandi visivi, gustativi e olfattivi.

Il piatto si presenta infatti in due dimensioni: da un lato troviamo il guscio dell’ostrica adagiato su un crumble di mandorle e granita al limone disidratata al cui interno riposa una sfera di yogurt che custodisce il muscolo dell’ostrica; dall’altro ecco il corpo dell'ostrica una ciotola in cui giace cotto a bassa temperatura con piselli in tre consistenze diverse.

L'ostrica utilizzata per questo piatto è appunto la Prestige des Mers, produzione che nasce dalla selezione di un allevatore e affinatore di ostriche Cédric Roy, de Lamaison, che oltre a essere famoso per l’hûitrés di Marénnes Oleròn, esprime il suo sapiente savoir faire anche in questa produzione, unendo il valore storico dell’ostricoltura normanna e la grande esperienza maturata negli anni. L’ostrica è plasmata dalle maree di Utah beach, in Normandia.

Questo piccolo gioiello del mare è da poco arrivato direttamente nella cucina dello stellato Oldani fornito da I love Ostrica, e-commerce e delivery di pesce di alta qualità per ristoranti e privati fondato nel 2007 da Luca Nicoli. 

Che dire... non resta che provarla al tavolo del D'O e, perchè no, ordinare qualche eccellenza di mare online e gustarla direttamente sulla propria tavola.

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags