Blog

Food & Drinks

Il Pantone colore dell'anno 2020 è Classic Blue. Scopritelo nel cibo

Di il

Share
Il Pantone colore dell'anno 2020 è Classic Blue. Scopritelo nel cibo

L'azienda Pantone ha annunciato il suo Colore dell'anno per il 2020: è Classic Blue, ossia il Pantone 19-4052.

Ogni anno Pantone rende noto il Colour of The Year, una tendenza cromatica che prevede influenzerà tutti gli aspetti dell'arte, del design e della cultura. Nel 2020 il Classic Blue prenderà il posto del Living Coral 16-1546, come colore che influenzerà le palette del prossimo anno.

Il significato che è dietro questo colore è stato dichiarato da Pantone: "Instillare calma, sicurezza e connessione, questa duratura tonalità di blu evidenzia il nostro desiderio di una base affidabile e stabile su cui costruire mentre attraversiamo la soglia in una nuova era".

L'annuncio influenzerà sicuramente le palette nel 2020, dove faranno capolino tocchi di blu. E per quanto riguarda i palati?

Abbiamo assistito a un'impennata di blu negli alimenti nell'ultimo anno, sia per la sua maggiore presenza in dolci da forno e glasse, ma in particolare nella caccia alla pigmentazione blu naturale degli ingredienti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da PANTONE (@pantone) in data:

 

È raro vedere il colore blu apparire in natura e, soprattutto, nel cibo. Questo per una serie di motivi. Innanzitutto, i composti che assorbono la parte giusta dello spettro elettromagnetico, per vedere il blu, una sostanza deve assorbire la parte dello spettro che registra come arancione, sono estremamente difficili da produrre biologicamente. La luce blu ha la lunghezza d'onda più lunga di qualsiasi colore sullo spettro elettromagnetico, e si pensa che le piante assorbano questa luce per crescere meglio.

Quando vediamo l'azzurro apparire in natura, che si tratti del cielo, del piumaggio di uccelli esotici, di fiori o delle ali di una farfalla, non si tratta di una vera forma di blu, ma piuttosto è il risultato della dispersione di Rayleigh - una dispersione di luce dalle molecole dell'aria da particelle molto piccole (10 volte più piccole della lunghezza d'onda della luce del colore nero).

Lo stesso vale per gli ingredienti: in natura si trovano alcuni esempi di questo colore, seppur difficili da trovare. E anche la colorazione alimentare sintetica è difficile (sono pochi i coloranti alimentari blu approvati, talvolta derivanti da elementi naturali come la spirulina, una micro alga).

Il colore blu presente in natura negli alimenti è dovuto alla presenza di antociani, un pigmento che, a seconda del pH, può apparire rosso, blu o viola, e responsabile del colore rosso-blu di molti cereali, frutta e verdura.

Negli ultimi anni, sono emersi i benefici per la salute del consumo di cibi blu: in genere, i cibi che contengono un'alta quantità di antociani tendono ad avere un effetto antiossidante, da cui la popolarità dei mirtilli. Insieme con l'ascesa del cibo su Instagram, abbiamo iniziato a notare un vivo interesse per qualsiasi cosa sia blu nel cibo, nell'ultimo anno.

La Banana Blue Java

La banana blu che ha il sapore del gelato è diventata virale nel 2019, quando il mondo si è accorto e interessato a questa varietà. Originaria del Sud-Est Asiatico, la buccia della Blue Java Banana ha una sfumatura verde-blu prima di maturare e assumere un più familiare color giallo pallido. Ciò che ha fatto impazzire le persone per questo frutto, tuttavia, è il fatto che ha il sapore del gelato alla vaniglia.

Il Caviale Blu

Queste uova blu di scampi vengono raccolte negli oceani che circondano l'Australia. Hanno un forte sapore del mare. Qui vi abbiamo parlato del caviale blu

I mirtilli

Grazie ai loro benefici antiossidanti, i mirtilli sono onnipresenti. La domanda di mirtilli è aumentata vistosamente in tutto il mondo, vedendo la produzione in Paesi come Cile, Stati Uniti, Messico e Portogallo espandersi significativamente per soddisfarla. Il 2020 dovrebbe essere un altro anno di grande successo per il mirtillo.

Il mais blu

Una varietà antica di mais che un tempo veniva utilizzata dalle popolazioni dei nativi americani. Il grano di colore blu ha recentemente ritrovato popolarità insieme a molti altri semi dimenticati.

Il sangue blu del "granchio a ferro di cavallo"

Mangiato, in alcune parti dell'Asia, il sangue è ampiamente utilizzato dalle aziende farmaceutiche per prelevare i batteri. È così ricercato che in alcuni casi si possono ottenere prezzi fino a $ 60.000 per meno di un litro. 

Il Nasi Kerabu

Specialità a base di riso malese, il nasi kerabu viene colorato con la pigmentazione blu del fiore del butterfly pea flower e di solito viene servito con pollo fritto o pesce essiccato.

L'aragosta Blu

Ogni 2 milioni di aragoste una è blu a causa di un difetto che le porta a produrre una grande quantità di una determinata proteina. Questo, combinato con una molecola carotenoide rossa, crea un complesso blu noto come crustacyanin, da cui si ottiene il colore blu. 

Il Fiordaliso

Il fiordaliso (Centaurea cynaus) ha un sapore leggermente dolce o speziato, simile a un chiodo di garofano. È un fiore commestibile, ma a causa della sua amarezza, è più comunemente usato come contorno.

Le olive blu

L'oliva blu ha una polpa verde e soda, con una consistenza pastosa come un avocado. È astringente quando non matura e leggermente acida quando è matura. È originaria dello Sri Lanka.

Il blu è la vostra passione? Ricordatevi che c'è anche il vino blu.

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags