Blog

Food & Drinks

10 Prodotti Tipici Abruzzesi di cui sentirete un immediato bisogno

Di FDL il

Share
10 Prodotti Tipici Abruzzesi di cui sentirete un immediato bisogno
Foto Tesori d'Abruzzo

Ci sono salumi tanto pregiati quanto poco conosciuti e formaggi dalle insolite stagionature. Ci sono biscotti con nomi buffi e forme aggraziate, marmellate colorate e liquori profumati. Ci sono prodotti tipici dei più buoni in Italia, che meriterebbero un viaggio a loro dedicato (assicurandosi di avere il bagagliaio capiente, però). Sì, esatto: stiamo parlando dell'Abruzzo e della sua straordinaria ricchezza gastronomica.

Scegliere è difficile, vista la quantità (e la qualità) del patrimonio culinario della regione, ma noi siamo riusciti a selezionare dieci prodotti tipici abruzzesi che aspettano solo di fare la vostra conoscenza.

Mortadella di Campotosto

Immagine: Wikipedia

Ebbene sì, anche in Abruzzo esiste la mortadella. Quella di Campotosto si prepara dai tagli magri del maiale, con una piccola aggiunta di pancetta: all'impasto viene poi inserito il tipico lardello, che dopo l'affumicatura (15 giorni) e la stagionatura (almeno 3 mesi) rimane piacevolmente croccante.

Patata turchesa

Immagine: Fondazione Slow Food

Buccia viola (che ovviamente non dovete togliere, è la parte più ricca di sostanze antiossidanti), forma bitorzoluta e pasta bianco candido: la turchesa è una varietà di patata dall'aspetto buffo e simpatico, e dalla grande versatilità. La sua capacità di essere coltivata anche ad altitudini notevoli la rendeva il sostentamento principale in molte comunità montane.

Ferratelle

Immagine: Verso l'Aquila

La trama che dà il nome alle ferratelle è quella del cancello, ma il biscotto può presentarsi in diversi modi, a seconda delle piastre usate per cuocerlo. Ha sempre rivestito un ruolo importante nelle celebrazioni, religiose e non, e infatti lu ferre - ovvero la piastra - faceva spesso parte della dote delle spose.

Scrucchiata

Immagine: Agricoltura Oggi

Una marmellata d'uva preparata utilizzando rigorosamente uve della varietà Montepulciano D'Abruzzo. Il nome viene dall'operazione manuale di schiacciatura delle vinacce, la scrocchiatura o sclucchiatura. Nonostante venga utilizzata per farcire diversi dolci tipici, il suo retrogusto amarognolo si fa apprezzare anche da solo.

Pecorino di Farindola

Immagine: Gran Sasso Laga Park

Aroma persistente, sapori erbacei e pochissima piccantezza: il pecorino di Farindola, ottenuto rigorosamente da latte crudo, si presta ad essere utilizzato in molte ricette tradizionali. Se non li avete mai provati, sperimentate gli Strapizzoni o le saporitissime Polpette di pane e pecorino.

Genziana

Immagine: Fornelli Di Salvataggio

In ogni casa abruzzese che si rispetti non può mancare il liquore di genziana, meglio conosciuto come "genziana". Questo superalcolico - ancora prodotto soprattutto in maniera casalinga - viene ricavato dalle radici della pianta omonima, che si trovano facilmente in commercio e possono essere utilizzate anche per tisane e infusi.

Zafferano dell'Aquila

Immagine: Tesori d'Abruzzo

Questa Dop della provincia aquilana si presta a molte ricette, dall'agnello al canonico risotto (per un po' di contaminazione extra regionale). Ed è stata perfino citata in Ratatouille, il film d'animazione del 2007 (premio Oscar) in cui L'Aquila saffron viene definito "eccellente".

Liquirizia di Atri

Immagine: Abruzzo Vivo

La Riserva Naturale dei Calanchi di Atri è nota per la crescita delle piante di liquirizia, da cui già nel Medioevo i monaci ricavavano un estratto. La tecnica non è cambiata molto, ma ora sappiamo anche le numerose proprietà della liquirizia, straordinario antinfiammatorio naturale.


Canestrato di Castel del Monte

Immagine: Gran Sasso Laga Park

Storicamente parlando, la cultura della transumanza è sempre stata importante per l'Abruzzo. A Castel del Monte si produce un formaggio di lunga tradizione casearia: le forme di latte di pecora vengono stagionate - per un periodo da due mesi a un anno -  e unte con olio d'oliva.

Lenticchie di Santo Stefano di Sessanio

Immagine: Terra Mè

Tanto piccola quanto saporita, questa varietà di lenticchia ha una particolarità: è tanto permeabile che non ha bisogni di ammollamento prima di essere cotta. Un legume perfetto per la montagna, che si adatta bene a climi difficili e terreni aridi, e infatti viene coltivato da prima dell'anno 1000. 

Non puoi fare a meno dei prodotti tipici? Guarda anche quelli pugliesi e lucani.

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags