Blog

Food & Drinks

Semi da mangiare: sei semi da provare subito in cucina

Di FDL il

Share
Semi da mangiare: sei semi da provare subito in cucina

Piccoli, scuri, poco conosciuti (e spesso poco amati). I semi non sono ancora protagonisti nelle cucine degli italiani, nonostante abbiano straordinarie proprietà nutritive. Come ci illustra questa infografica di Body Unburdened, una manciatina di semi al giorno non può che farci bene.

SEMI DI CHIA

Calcio, fosforo, fibre, Omega 3, antiossidanti e perfino proteine. E come se non bastasse, si prestano a sostituire le uova, specialmente nei dolci.

SEMI DI GIRASOLE

Ricchi di vitamina E, che aiuta a combattere i radicali liberi ed è ricca di magnesio, utilissimo a rinforzare le ossa e abbassare la pressione. Perfetti per chi soffre di mal di testa o affaticamento. Mai provati ad aggiungerli al pane?

SEMI DI CANAPA

Contengono gli acidi grassi essenziali Omega 6 e Omega 3, oltre a varie fibre solubili e insolubili. Con il loro sapore forte e particolare rendono golosa anche la più tristanzuola delle insalate.

SEMI DI ZUCCA

Proteine, fosforo, magnesio, zinco, ferro, vitamine B, K, E: sono davvero delle miniere di nutrienti. Grazie al loro potere alcalinizzante contribuiscono a riequilibrare il PH dell'organismo.

SEMI DI LINO

Ricco di fibre, Omega 3 e lignani, che aiutano la digestione e rafforzano il sistema immunitario. Usateli per arricchire il muesli mattutino o le insalate.

SEMI DI SESAMO

Fonti di calcio e antiossidanti, nonché di zinco (per prevenire l'osteoporosi), pare abbiano un ruolo nel ridurre lo stress.