Blog

Food & Drinks

Dal tofu al latte, cinque cose da sapere sulla soia

Di FDL il

Share
Dal tofu al latte, cinque cose da sapere sulla soia

La soia è una delle piante più coltivate nel mondo per i suoi usi nell'alimentazione e nella produzione di creme e cosmetici. Il suo alto valore proteico e i pochi grassi ne fanno uno degli ingredienti principali delle diete vegetariane, oltre che un alimento dagli effetti benefici sul sistema cardiovascolare.

Ecco cinque curiosità su questo legume.

  • Il «succo» della soia è quello che normalmente chiamiamo latte di soia, e si ottiene dal legume disidratato. Il suo apporto proteico è simile a quello del latte vaccino.
  • La farina di soia tostata è un ingrediente comune in molte ricette della cucina giapponese, si chiama Kinaku e si ottiene dalla macinaione della soia tostata.
  • La soia non è più un alimento prevalentemente orientale: ormai è onnipresente anche nell'alimentazione occidentale, non soltanto nella dieta vegetariana. Derivati della soia come la lecitina sono presenti in un gran numero di ricette e preparazioni.
  • Il tofu si ottiene facendo cagliare il latte di soia, un processo molto simile a quello con cui si ottengono i formaggi. Il tofu fresco può essere morbido o compatto, ma esistono anche varietà di tofu più stagionato, tra cui alcune dall'odore molto intenso.
  • L'unica coltivazione in grado di produrre più proteine della soia a parità di estensione del terreno è la canapa. Esclusa la canapa, la produzione di proteine della soia è almeno doppia rispetto a quella qualunque altra coltivazione. Per ottenere la stessa quantità di proteine ricavabile da un campo di soia attraverso l'allevamento di animali da carne, bisognerebbe disporre di terreni quindici volte più estesi. 
Tags