Blog

Indirizzi da non perdere

Botanica Lab: (finalmente) cucina vegana e crudista a Bologna

Di FDL il

Share
Botanica Lab: (finalmente) cucina vegana e crudista a Bologna

Un bistrot vegano con velleità crudiste a Bologna? Per chi del capoluogo emiliano ha una visione superficiale, tutta salumi e ragù, sembra una contraddizione in termini. Chi la conosce meglio invece sa che negli ultimi anni a Bologna sono nate formule di ristorazione che l'hanno confermata una città capace di sperimentare, gastronomicamente parlando.

In questo solco si colloca Botanica Lab, il ristorante che è l'evoluzione del laboratorio di cucina crudista, già molto conosciuto in città, di Anna Artesiani, ex allieva della scuola di Matthew Kenney a Los Angeles. 

 

In carta a pranzo una decina di portate, con prezzi dai 10 ai 6.50 euro (un rapporto qualità-prezzo impagabile nel centro di Bologna), che comprendono la zuppa del giorno, un paio di primi come la Pasta integrale con sugo di pomodoro e confit di limone e proposte più esotiche come gli Spring rolls o la Buddha bowl (cereali, legumi, verdura e frutta secca). Sempre in menu un'insalata e un burger vegani.

Il locale rimane aperto anche di pomeriggio, l'occasione giusta per sperimentare i dolci che, come spesso accade nella cucina crudista, sono straordinariamente golosi: che siano le cheesecake, il crumble di mandorle o la panna cruda, un assaggio è d'obbligo. 

Di sera il menu si fa articolato, con quella dicotomia tra tradizionale e sperimentale che rende Botanica Lab un indirizzo adatto forse non a tutti, ma sicuramente a molti. Metà spazia nell'universo raw, con portate come la Julienne di rapa rossa, zenzero marinato e panna acida, i "finti" ravioli (in questo momento in menu gli Involtini di rapa rossa e zucca, ricotta di macadamia e pesto invernale) e le zuppe, come la Vellutata di finocchio e avocado con croccante di saraceno e verdure. Per chi invece si sente meno in vena di osare, ci sono piatti rassicuranti ma non meno originali e ben fatti, come i Ravioli di farro ripieni di fichi secchi e pane nero o il Risotto integrale con radicchio e pepe nero, mantecato al mascarpone di anacardi.

L'apertura a inizio dicembre è stata preceduta da parecchio entusiasmo mediatico che, dopo la nostra cena, confermiamo pienamente giustificato: nonostante la complessità di preparazione di una cucina crudista, i piatti di Botanica Lab -perfettamente leggibili, semplici e centrati nel sapore - rendono il bistrot un avamposto della cucina plant based che può avvicinare all'universo veg anche i bolognesi più diffidenti.

Cosa Botanica Lab

Dove Via Battibecco 4/c

Info hello@botanicalab.com

Web www.botanicalab.com

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags