Blog

Indirizzi da non perdere

Capperi...Che Pizza! La nuova pizzeria a Milano in 22 Marzo

Di il

Share
Capperi...Che Pizza! La nuova pizzeria a Milano in 22 Marzo

La competizione sulle pizze a Milano si fa sempre più accesa: i grandi esponenti della pizza napoletana arrivano di gran lena, e piano piano giunge anche chi crede nella pizza contemporanea  - il modello Berberè ma ancora prima la Taverna Gourmet

C'è ancora posto per una buona pizzeria a Milano? Capperi...Che Pizza! non solo dice di sì, ma scommette anche su una tripla apertura in Italia: Milano appunto, poi Salerno e Lugano. 

Dietro c'è la mano della famiglia Acciaio e in particolare di Luigi, pizzaiolo che da Torino porta a Milano la sua idea di pizza - con solide basi napoletane - per dare prova della ricerca su lievitazione, farine e ovviamente topping.

La direzione di Capperi...Che Pizza! è chiara: ingredienti di altissima qualità fra Presidi Slow Food e piccoli produttori, dal pomodoro al filetto di tonno, dalla mozzarella di Bufala - servita molto spesso fresca - agli affettati. Lievitazioni lunghe, grani antichi e altissima idratazione, diversa per ogni impasto - si arriva al 90% per quelli integrali. E poi acqua di pomodori (rossi e gialli) nell'impasto, che danno colore e un gusto un po' più sapido alla pizza. 

Insomma, sulla carta tutto perfetto, anche se prima di cantare vittoria gli lasciamo il tempo necessario per rodare - soprattutto il forno - e aspettiamo il responso del pubblico milanese. 

Capperi..Che Pizza! in Piazza Santa Maria del Suffragio

Capperi...Che Pizza! punta su due concetti: quella della pizza al taglio (foto qui sotto) - con un'entrata e una parte del locale dedicata solo all'asporto - e la pizzeria vera e propria per mangiare seduti in un ambiente mediterraneo, con tanto di albero di ulivo vero, dove si può scegliere fra un ampissimo menu e addirittura comporre la propria margherita, dall'impasto fino alla mozzarella passando per i pomodori.

Una pizza margherita tailor made costa 12,50 euro; visti gli ingredienti usati e la possibilità di personalizzare non grideremo allo scandalo per il prezzo. 

Il menu è in generale abbastanza genoroso: la varietà proposta accontenta chi in pizzeria vuole sfogliare pagine e pagine, prendendosi tutto il tempo necessario per far impazzire il cameriere. Si inizia con delle combinazioni prezzi in media con Milano: 12 euro per il Pomo d’or (pomodorino giallo del Vesuvio, fior di latte fresco, ricotta di bufala campana Dop, aglio rosso di Nubia e origano di montagna) o per Mare Nostrum (pomodoro San Marzano, Alici di Cetara, aglio rosso di Nubia e origano di montagna).

Foto: Roberta Abate 

Si sale a 14 euro per la Brontese  (Pesto di pistacchio di Sicilia, fior di latte fresco, scaglie di limone delle costiera Amalfitana, olio Evo denocciolato, basilico) e a 16 euro per la Chiattona (fior di latte fresco, formaggio al pepe verde, pancia magra del contadino).
Alcune delle pizze vengono servite come delle classiche napoletane, altre a sei spicchi conditi uno a uno, e nascono soprattutto per essere condivise e magari ordinate per una degustazione al tavolo.

I prezzi si alzano vistosamente andando avanti col menu: la Lemon Pizza con salmone scozzese e gamberetti arriva a 32 euro, mentre quella Cascata San Daniele, con impasto integrale - ottima a dire il vero -  ne costa 28 euro.
Prezzi un filo fuori mercato, forse, anche per l'esosa Milano. Sarà stata una scelta saggia investire su queste proposte?

Certo la possibilità di mangiare entro i 25 euro a persona c'è: se si resta sulle offerte più classiche da 12 euro, si dividono gli sfizi iniziali - i fritti davvero notevoli costano intorno agli 8 euro - e non si esagera col bere la spesa è in media con altri indirizzi milanesi. Se ci si fa prendere un po' dalla curiosità, e si cede anche alla bella carta di birre artigianali, si arriva facilmente anche a una 40ina di euro.

Insomma, la direzione del menu non è chiarissima, e questo potrebbe senza dubbio costituire un limite per il successo dell'indirizzo.

E tornando sempre alla carta: occhio ai dolci napoletani, alle montanarine gourmet e, come già detto, agli imperdibili fritti. 

Cosa Capperi...Che Pizza!

Dove Piazza Santa Maria del Suffragio, 3, Milano

Tel 0287073392

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags