Blog

News e Tendenze

L’altra laguna: dove mangiare in Friuli Venezia Giulia tra terra e mare

Di il

Share
L’altra laguna: dove mangiare in Friuli Venezia Giulia tra terra e mare
Foto F. Parenzan

Hernest Hemingway la definì "la Florida d'Italia". Da bravo pescatore, aveva colto il lato più autentico e selvaggio di Lignano Sabbiadoro e del territorio circostante. Tanto che in questa penisola della riviera friulana, protesa tra il Mare Adriatico e la Laguna di Marano, trovò l'ispirazione per iniziare a scrivere Di là dal fiume tra gli alberi.

Qui la natura è incontaminata e i sapori risentono delle "tre acque" - dolce, salata e salmastra - che lambiscono il territorio. Un paradiso della biodiversità, dove il pesce dell'Alto Adriatico - cui ogni anno Lignano Sabbiadoro dedica un evento, Easy Fish - è protagonista assieme ai prodotti ittici di laguna: ghiozzi, latterini, gamberetti grigi, cefali, anguille, sarde, seppie, branzini, capesante, fasolari. Tra gli estimatori del pesce locale c'è Emanuele Scarello, due stelle Michelin al ristorante Agli Amici di Udine, che nelle sue creazioni valorizza go (ghiozzi) e scorfani.

Siamo "nell'altra laguna", quella che in pochi conoscono, al di là del confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, dove il paesaggio tipico della Riviera, con le sue pinete, passa il testimone alla Riserva naturale della valle canal-novo e delle foci del fiume Stella, oasi protetta della Laguna di Marano. 

Per scoprire i sapori del territorio, vale la pena salire a bordo di apposite imbarcazioni e solcare le acque locali. Un'esperienza perfetta per respirare l'aria salmastra di questo specchio d'acqua che pare lontano da tutto e da tutti: si naviga immersi nel verde e nella natura, tra barene, canali e isolotti. E si possono ancora ammirare i casoni, le tipiche strutture lagunari realizzate con fasci di canne lacustri, costruite un tempo dai pescatori locali, che qui trovavano riparo nel corso delle battute di pesca.  

Ecco le tappe gastronomiche e i ristoranti da non perdere in Friuli Venezia Giulia, nel corso della navigazione da Lignano a Marano Lagunare.

Al Cason | Lignano Riviera 

Si trova a Lignano Riviera, affacciato sulle acque del Tagliamento, in prossimità della darsena dove approdano le imbarcazioni che fanno la spola tra Bibione e Lignano, permettendo a chi percorre in bici la ciclovia adriatica di raggiungere la riviera friulana. Al Cason, il ristorante che prende nome dalle storiche e caratteristiche abitazioni dei pescatori locali, accoglie tra ampi spazi all'eperto dal mood rustico-chic e terrazze lounge, perfette per l'aperitivo.

Si assaggiano i piatti dello chef Michele Cepparo, che propone i sapori genuini dell'Alto Adriatico: dall'Antipasto gratinato, con capelunghe, canestrelli, scampi e gamberoni, al primo piatto, La Gran Scogliera del Cason con frutti di mare, oltre al pescato del giorno, in genere branzino, ombrina o orata alla griglia o al sale. Di sera, aperitivo in terrazza: un calice di vino, un drink e uno spuntino, ammirando la natura del fiume che incontra il mare.

Al Cason
Corso dei Continenti, 167 - Lignano Riviera (Udine)
Sito

La Bilancia di Bepi | Palazzolo dello Stella 

Un luogo storico, immerso nella natura della Riserva delle Foci dello Stella, dove si arriva solo tramite approdo lagunare o dall'interno, percorrendo la strada che costeggia il fiume. La Bilancia di Bepi prende nome dal nonno pescatore del giovane titolare, Daniele Ciprian, che qui - di fronte alla tipica "bilancia", l'enorme rete calata in laguna per la cattura dei pesci - aveva costruito una palafitta. Da sette anni Ciprian ha preso in gestione questo luogo dall'atmosfera unica, trasformandolo in un ittiturismo dal mood decisamente rustico e conviviale. Qui veniva a pescare anche Hemingway, con tanto di foto che lo ritraggono, a ricordo del suo amore per queste zone. 

Vale la pena spingersi qui per vedere in funzione la suggestiva "bilancia" e gustare una frittura di laguna freschissima, "dalle rete al piatto", con alici, orate, piccoli branzini e caratteristici pesci locali quali il latterino, l'otregano (una sorta di cefalo dorato) e la passera pianuzza (una specie simile alla sogliola). “Va eviscerato subito il pesce di laguna, in modo che il sapore non venga contaminato dalle erbe che mangia, poi sfilettato e cucinato”, spiega l'esperto Ciprian, che aggiunge anche polenta e verdure alla sua frittura. Chi preferisce mangiare altro, può optare per un primo piatto come la pasta con vongole, cozze, seppie e pevarasse (le vongole locali, piccole e bianche).  

La Bilancia di Bepi
Via Nuova Sopraelevata - Palazzolo Dello Stella (Udine)
Sito

Trattoria Alla Laguna-Vedova Raddi | Marano Lagunare 

In questo storico paesino di pescatori si parla ancora il dialetto veneto, si attraversano calli, si beve spritz e si assaggiano cicchetti. Marano Lagunare, nel cuore della laguna cui dà nome, è una tappa da non perdere per chi naviga le acque salmastre del Friuli Venezia Giulia. Dopo aver esplorato l'oasi naturale, ammirato i canali con le reti e le imbarcazioni colorate dei pescatori, tappa obbligatoria per il palato è la Trattoria alla Laguna-Vedova Raddi: un ristorante storico, perfetto per conoscere gli autentici sapori lagunari, che qui vengono valorizzati al meglio, nella loro semplicità.

Punto di riferimento per la gastronomia locale, si trova proprio di fronte al porto e al mercato ittico. Qui si assaggiano specialità locali come la minestra di pesce di Marano, un passato di go e passerine, ma anche cozze gratinate, granseole, gamberetti di laguna e pasta fatta in casa con scampi o con cicale di mare, anguilla marinata, oltre a moleche (quando è stagione) e l'immancabile fritto misto di laguna.

Trattoria alla Laguna-La Vedova Raddi
Piazzetta Garibaldi 1 - Marano Lagunare (Udine)
Sito

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags