Blog

News e Tendenze

Guida Identità Golose 2020: tutte le novità e i premi speciali

Di il

Share
Guida Identità Golose 2020: tutte le novità e i premi speciali
Foto Brambilla-Serrani

Di edizione in edizione, la sala dell'hotel Gallia di Milano è sempre più piena. Merito di un'intuizione: non dare giudizi, ma fare cultura, per far conoscere il meglio della ristorazione italiana e internazionale.

E' stata presentata oggi l'edizione 2020 della Guida di Identità Golose, ideata da Paolo Marchi e Claudio Claudio Ceroni, e curata da Gabriele Zanatta - rigorosamente gratutia e online - per essere accessibile e sempre aggiornata con le novità di un settore in continuo fermento.

Credit: Brambilla-Serrani

I numeri della Guida di Identità Golose 2020

Un "organismo" sempre più complesso e internazionale, e i numeri parlano chiaro: 1111 insegne recensite in 50 paesi di tutto il mondo, 794 in Italia e 317 nel resto del mondo. Tra queste, 246 novità, 99 pizzerie, 75 insegne guidate da chef under 30, mentre 481 sono i locali guidati da chef under 40, quasi il 50% del totale.

Una panoramica che abbraccia 52 paesi in tutto il mondo (tra cui sette importanti new entry: Canada, Emirati Arabi, Laos, Libano, Lituania, Montecarlo, Romania).

Uno spaccato reale e in movimento, frutto del lavoro di oltre 100 collaboratori che, in questo ultimo anno, hanno viaggiato e testato a lungo per garantire una panoramica quanto più esaustiva possibile.

I premi alle giovani stelle

Tra i momenti più attesi e sentiti della presentazione, i Premi alle giovani stelle, 16 chef che si sono contraddistinti nel corso dell’anno nelle varie categorie (tra cui tre debutti assoluti). Ecco tutti i premi assegnati dalla Guida Identità Golose 2020.

  • Chiara Pavan (la migliore chef),
  • Diego Rossi (il miglior chef),
  • Christian Puglisi (il miglior chef internazionale),
  • Antonio Ziantoni (Sorpresa dell’anno),
  • Carmine Di Donna (il miglior chef pasticciere),
  • Arianna Gatti (il miglior sous chef), Luca Pezzetta (il miglior chef pizzaiolo),
  • Roberta Cozzetto (la migliore sommelier),
  • Alberto Santini (il miglior sommelier),
  • Vincenzo e Antonio Lebano, Stefano Carnelli e Paolo Porfidio (Premio Servizio e Accoglienza),
  • Nicola Loiodice (il miglior maître),
  • Giorgia Cannarella (miglior food writer),
  • Enzo, Rosellina, Stefano e Mattia Manias (la giovane famiglia),
  • Franco Franciosi e Francesco D’Alessandro (Birra in Cucina),
  • Giuseppe Iannotti (Sperimentazione in cucina, nuovo premio che riconosce la cucina basata sulla ricerca),
  • Chang Liu (Contaminazioni, un nuovo riconoscimento che premia l’incontro tra culture in cucine). 

Da notare come tutti i 16 premiati siano under 40, dato che dimostra l’impegno della Guida a riconoscere e valorizzare i giovani talenti.

Il fascino del confine

Tornano anche le Storie di Gola: otto voci, tra chef e giornalisti, quest'anno hanno raccontato le mille sfaccettature dei territori di confine.

Un argomento dal forte valore simbolico, che invita a riflettere sulla cucina come strumento per abbattere i muri e costruire realtà basate sull’incontro e la contaminazione di culture. Le voci narranti delle Storie di Gola sono Mauro Colagreco, tra Italia e Francia (Mentone/Ventimiglia); Christian Puglisi, tra Danimarca e Svezia, (Copenaghen /Malmö); Josko Gravner racconta il Collio tra Italia e Slovenia (Collio friulano e Collio Sloveno); Paolo Lopriore, tra Italia e Svizzera (Como e Canton Ticino), Paulo Airaudo, tra Spagna e Francia (San Sebastian e Biarritz); Beniamin Chalupinski e Adria Marina raccontano il confine tra Messico e Stati Uniti (Tijuana/San Diego); Tokyo Cervigni, tra Stati Uniti e Canada (Seattle/Vancouver); Fabiana Magrì racconta la convivenza di culture e religioni in una città complessa quale è Gerusalemme.

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

 

Tags