Blog

News e Tendenze

La pizza buona dove la mangio a Milano? Indirizzi e pagelle

Di il

Share
La pizza buona dove la mangio a Milano? Indirizzi e pagelle
Foto Marghe

La migliore pizzeria di Milano: argomento spinoso, molto spinoso. Fino a pochi anni fa gli indirizzi sopra la sufficienza dove mangiare una buona pizza si contavano sulle dita di una mano, ora possiamo dire che Milano si sta svegliando a suon di lunghe lievitazioni, condimenti ricercati e locali che buttano l’occhio anche al design.
Quindi, invece di fare una classifica canonica delle migliori pizzerie di Milano, abbiamo deciso di passare in rassegna quelle che più ci piacciono, o di cui più si parla, e dare un giudizio su pizza, ambiente e rapporto qualità prezzo. 

Speriamo che la lista piano piano si allunghi, ma per il momento siamo arrivati solo a 9 indirizzi.
E voi dove la mangiate la pizza a Milano? 
 

Briscola

Ha aperto a marzo 2015 e da allora i "pizzofili" milanesi hanno risposto in maniera più che positiva. Briscola è una delle creature di Foodation e unisce alcuni trend interessanti, innanzitutto quello della condivisione a tavola. Particolarità i formati mini: al costo abbondante di una pizza se ne scelgono due più piccole di diversi gusti. Disponibili anche 4 tipologie classiche a grandezza normale.
Il topping anche in questo caso si ispira alla deriva gourmet, ma l’impasto rimane quello simil napoletano, morbido ma capace di tenere bene l’umidità degli ingredienti. Ambiente freddino, ma potete farvela consegnare a casa - in quel caso assicuratevi che arrivi ben calda, a volte potrebbero recapitarvi pizze tiepidine che intaccano di molto l’esperienza.

Da provare: quelle stagionali, che cambiano ogni sei mesi
Ambiente: 7/10
Pizza: 8/10
Rapporto qualità/prezzo: 8/10
Web e indirizzo: Briscola - via Fogazzaro 9

Foto: @styleandtrouble
 

COKE

Quelli che vogliono mangiare una pizza dall'ottimo rapporto qualità prezzo a Milano hanno solo un nome in mente: Coke, pizzeria storica in via Pavia, a ridosso dei Navigli. Non aspettatevi impasti morbidi e napoletani, piuttosto una sfoglia croccante e sottile di dimensioni maxi, con abbondantissimo condimento - soprattutto quando si parla di verdure. Qualche guizzo in qualche proposta, ma siamo lontani dal concetto moderno di pizza gourmet. Sempre molto affollato, quindi presentatevi alla porta per tempo. Un plus? La digeribilità della pizza, che di questi tempi non è cosa da poco.

Da provare: Pizza Parmigiana
Ambiente: 6/10
Pizza: 7/10
Rapporto qualità/prezzo: 8,5/10
Web e indirizzo: Coke - via Pavia 10

Foto: Facebook Coke

DRY

dry pizza milano

Quando ha aperto nel 2013 Dry ha portato la rivoluzione a Milano: il primo a proporre pizza gourmet, e il primo ad abbinarla i cocktail. Diversi anni e numerose aperture sul genere dopo, la pizzeria continua ad avere il suo zoccolo duro di fan, soprattutto grazie alla guida di Guglielmo Miriello e alla sua superba mixology “vintage”. Consigliamo di cominciare con le focacce - soprattutto l’ormai celeberrima con il vitello tonnato - che compenseranno le dimensioni invero contenute, rispetto al prezzo, della pizza che spesso vi arriverà anche un po’ tiepidina (per non dire fredda). La prenotazione è obbligatoria, così come la pazienza nell’aspettare un servizio un po’ farraginoso.


Da provare: Calzone bianco con scarola brasata, pinoli, uvetta, ricotta di bufala
Ambiente: 9/10
Pizza: 6/10
Focaccia: 8/10

Rapporto qualità/prezzo: 5/10
Web e indirizzo: Dry - via Solferino 33
 

ECO PIZZA

Qualcuno storcerà il naso, ma prima di gridare allo scandalo vi diciamo che, fra le pizze a domicilio, Eco Pizza è una delle migliori di Milano. Vi sorprenderà prima di tutto la varietà di scelta, poi la grandezza (potete scegliere però le 1/2 Maxi, ovvero metà di una pizza grande normale,) alcuni ingredienti non proprio comuni e un impasto leggero e croccante. Gli ingredienti - recita il sito - sono buoni e biologici così come la farina; sorprendente se si pensa che l'apertura di Eco Pizza risale a più di 20 anni fa. La loro forza ovviamente è la consegna a domicilio, quindi alla domanda “La pizza arriverà calda a casa?” la risposta è “Sì”.
Date un occhio al sito per scoprire gli altri punti vendita in giro per la città.

Da provare: Ortolana Modificata o una delle loro 10 Margherite
Ambiente: non pervenuto
Pizza: 7/10
Rapporto qualità/prezzo: 8,5/10
Web e indirizzo: Eco Pizza - Via Cesare Battisti, 1

LIEVITÁ

Novità del 2015 saldamente ancorata al filone della pizza gourmet. Attenzione, però: qui niente impasto "focaccioso", servizio a spicchi e topping astrusi. Di gourmet c'è soprattutto l'attenzione nella scelta degli ingredienti (tra cui spiccano molte DOP, IGP e Presìdi Slow Food), pomodoro in primis. Interessante la scelta di proporre margherite con diverse combinazioni, che a tavola susciteranno infinite disquisizioni sul migliore abbinamento tra i Pomodorini Gialli del Vesuvio con il Fiordilatte di Agerola o i Pomodorini neri Kumato con la Provola affumicata di Agerola. Attenti alla digestione un po’ lenta, soprattutto per voi fanatici della forma perfetta.

Da provare: Brontese (pesto di pistacchi di Bronte, Fiordilatte di Agerola, Parmigiano Reggiano DOP 24 mesi, Limone di Sorrento IGP, Basilico fresco)
Ambiente: 6,5/10

Pizza: 7,5/10

Qualità/prezzo: 8/10
Web e indirizzo: Lievità - via Carlo Ravizza 11
 

LIEVITO MADRE A DUOMO
sorbillo pizzeria milano

La pizza napoletana la si ama o la si odia (d’accordo, odiare è un termine un po’ forte: la si detesta). La stessa cosa vale per la pizzeria napoletana, con quel suo arredamento anonimo, l’atmosfera confusionaria e le file davanti alla porta perché non si accettano prenotazioni. Non aspettatevi niente di diverso dalla pizzeria di Gino Sorbillo che ha aperto a fine 2014 a due passi da San Babila. Menu semplice e iper-tradizionale - compresi i doverosi fritti come calcio d’inizio - con prezzi che non hanno particolarmente subito i ricarichi milanesi, e lo rendono quindi uno dei locali più economici in zona Duomo.

Da provare: la Margherita, che domande!
Ambiente: 5/10

Pizza: 7/10

Rapporto qualità/prezzo: 7/10
Web e indirizzo: Lievito Madre al Duomo - Largo Corsia dei Servi


 

MARGHE

 

Una foto pubblicata da Alessio Cannata (@alessio_c) in data:

La migliore pizzeria di Milano? Forse no, ma poco ci manca, e il risultato non è da poco visto che Marghe ha aperto i battenti in via Cadore da pochissimi mesi. A sfornare la pizza Matteo Mevio, che aveva già seguito l'apertura di Lievito Madre al Duomo di Sorbillo. I più dicono che sia una buona pizza napoletana, ma noi andiamo oltre, e diciamo che l'impasto si ispira sicuramente alla più classica delle lavorazioni ma ha un quid in più. Il cornicione cambia - più compatto ma ugualmente morbido - e la tenuta degli ingredienti è superiore. E a proposito degli ingredienti: buoni gli abbinamenti, da quelli classici a quelli più moderni, come la pizza vegana con crema di zucca e pomodorini gialli. Il locale, poi, è uno di quei classici locali che piace tanto ai milanesi oggi, con deriva fra shabby e industriale e qualche tocco di colore. Senza infamia e senza gloria insomma, ma è apprezzabile lo sforzo e anche la distanza fra un tavolo e l'altro. Unico difetto? La mano abbastanza pesante sui condimenti, soprattutto l'olio a crudo, ma tolto questo fauci, lingua e stomaco vi ringrazieranno di esservi seduti da Marghe.
PS: disponibile anche la consegna a domicilio tramite Deliveroo, ma non abbiamo ancora testimonianze delle condizioni di arrivo.

Da provare: Pizza 2 (Pomodoro San Marzano Dop, pomodorini di stagione biologici, mozzarella di bufala fresca Km 0, basilico, pepe nero, olio extravergine d’oliva biologico)
Ambiente: 7,5/10
Pizza: 8,5/10
Web e indirizzo: Marghe - via Cadore 26 

MERCATO DEL SUFFRAGIO

Il Mercato che mancava, la pizza pure. Ha aperto a dicembre il Mercato di Santa Maria del Suffragio, dalla proposta multitasking su cui spicca proprio la pizza. Dal forno a legna esce una pizza (stirata alla pala o "classica tonda") dall'impasto deliziosamente morbido e profumato a base di lievito madre e farine del Mulino Sobrino. Merito del pizzaiolo Fabio Venturini, che a Spoleto aveva già conquistato i due spicchi della Guida Gambero Rosso e ogni mese propone le speciali come Broccolo kale e fiolaro,cavolo cappuccio viola,zucca e bufala. L'ambiente del mercato è più piacevole e meno confusionario della maggior parte delle pizzerie, ma potete sempre prenderle d'asporto. 

Da provare: tutte, vi tocca tornare
Ambiente: 7/10
Pizza: 9/10
Rapporto qualità/prezzo: 8/10
Web e indirizzo: Mercato del Suffragio - Piazza Santa Maria del Suffragio 2
 

TAVERNA GOURMET
taverna gourmet

Ne avevamo parlato appena aperta: i primi assaggi della pizza della Taverna Gourmet ci avevano abbondantemente convinto, con l'impasto di scuola napoletana (servito però a spicchi in "stile veneto") che incontrava topping ben studiati con un'acuta scelta degli ingredienti. Impossibile però, nel giudizio, prescindere dai prezzi. Si va dai 14 euro della margherita ai 35 della Gambero e guacamole realizzata in collaborazione con lo chef del Bulgari Roberto di Pinto. Un'esperienza più da ristorante che da pizzeria, insomma, con la possibilità di un menu degustazione, a cui dovete preparare il portafoglio.


Da provare: Vegana con impasto integrale, tofu, fiore di zucca, fave bianche, pomodorini, patata, cipolla, prezzemolo e fiori eduli
Ambiente: 8,5/10
Pizza: 8,5/10
Rapporto qualità/prezzo: 5,5/10
Web e indirizzo: Taverna Gourmet - via Maffei 12


Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags