Blog

News e Tendenze

Milano: le nuove aperture dell'estate 2018

Di il

Share
Milano: le nuove aperture dell'estate 2018
Foto Pescheria con Cottura

Pare che il caldo faccia passare, di tanto in tanto, la voglia di uscire di casa. Ma evidentemente ciò che alte temperature e afa non fanno passare a Milano è la voglia di mangiare. 

Anche nella stagione più calda dell'anno nel capoluogo lombardo la ristorazione non sta con le mani in mano e le nuove aperture sono numerose. 

Tra i nuovi ristoranti dell'estate 2018 tanto pesce ma anche street food e cucina asiatica (dai ramen al sempre tanto amato sushi). E c'è spazio anche per dolci, pizza e drink d'autore...

Di seguito le nuove aperture a Milano dell'estate 2018.

Pescheria con cottura 


Pescheria con Cottura è un ristorante di pesce elegante ed accogliente in cui tutto ruota attorno al bancone del pesce, dove si possono scegliere pesci e crostacei freschi, lasciandosi consigliare ogni giorno su differenti ricette e cotture. La cucina ha radici pugliesi ma vuole raccontare tutto il pesce del Mediterraneo: quello italiano innantizutto, ma anche i sapori che arrivano dalla Grecia e dalla Turchia... È possibile pasteggiare anche con drink alcolici e non. 

via Tito Speri 7
Sito

Briscola - Pizza Society

Continua il percorso di crescita di Briscola – Pizza Society con l’apertura di due nuove location di grande prestigio ed entrambe firmate da Fabio Novembre: una in zona Duomo e l'altra immersa nella modernità di Porta Nuova. 

via Marconi, angolo via Dogana
viale della Liberazione 15
Sito

Bomba - Niko Romito

Foto: Simona Risi

A Milano, in piazza XXV Aprile ha aperto Bomba - Niko Romito, il concept dedicato a un nuovo modo di interpretare lo street food italiano firmato dallo chef 3 stelle che si è appena classificato 36simo nella classifica dei World's 50 Best Restaurants. Il format è già presente nel suo ristorante Spazio, all’interno de Il Mercato del DuomoBomba è una sfera di pasta lievitata e fritta, una rivisitazione moderna della tradizione dolciaria popolare italiana, che grazie all’utilizzo di lievito madre e di olio extra vergine di oliva consente di avere un prodotto goloso ma leggero, da gustare dolce o salato.

piazza XXV Aprile 12
Sito

Macha Cafè

Macha Cafè è ormai un format inarrestabile (e copiatissimo). In questi bistrot alla moda che strizzano l'occhio al design e alla cucina del Giappone, si beve te matcha e si mangiano piatti green in ogni accezione possibile: dall'avocado burger alle bowl. Dopo Porta Volta, Porta Vittoria e Porta Nuova, il nuovo locale - spazioso e caratterizzato da un gioco di neon e ironiche tappezzerie -  ha aperto in Porta Ticinese. Gli addicted di Macha sperano ora soltano che apra presto il quinto locale, che sarà, ça va sans dire, in Porta Venezia. 

viale Col di Lana 5
Sito

Ristorante Vivo

Nonostate la location estremamente moderna - si trova nella foodhall di CityLife -, il ristorante Vivo ha una storia che parla di famiglia e tradizione. Per i Manno, pescatori dal 1904, il mare è tutto e ancora oggi, i venti pescherecci di famiglia vanno al largo ogni notte affinchè il pesce pescato arrivi poi entro dodici ore sulle tavole dei propri clienti dei ristoranti di Capalbio, Firenze ed ora Milano. 

c/o CityLife – Piazza Tre Torri
Sito

Montenapoleone14

Nella via della moda per eccellenza, non poteva che nascere un bistro che fosse anche un po' boutique. In questo locale ideato e progettato dall'architetto e interior designer Aline Soares de Andrade, si possono infatti acquistare vestiti, per poi fermarsi per l'aperitivo o un pranzo chic. Il menu è stato curato dallo chef stellato Tommaso Arrigoni

via Montenapoleone 14
Sito

L'opposto

Un bell'edificio ormai in disuso da quasi vent'anni torna a nuova vita grazie a questo bistrot informale completo di giardino. L'opposto ha da poco aperto con l'obiettivo di offrire ad abitanti e lavoratori del quartiere piatti raffinati realizzati con materie prime di qualità, una buona selezione di etichette e persino la possibilità di scegliere tra pizza della tradizione napoletana e gourmet. Nello stesso stabile si trova T7, una piccola “house design” con undici camere.

via Tertulliano 7
Pagina FB

Wagamama

In principio fu Orio al Serio, poi toccò a Malpensa. Ora Wagamama, che conta oltre 190 ristoranti nel mondo, arriva con la sua cucina panasiatica - gustosa e mai troppo audace - in centro a Milano. Il ristorante meneghino è diviso su due piani e conta circa duecento coperti. 

Pietro all’Orto, angolo corso Matteotti
Sito

Alessandro Servida Alta Pasticceria

Assieme alla moglie Donatella, il pasticcere Alessandro Servida ha aperto a breve distanza da Porta Venezia. Per provare le sue dolci creazioni, non sarà più necessario arrivare fino a Pantigliate, nel suo locale storico aperto dal 1981, ma sarà sufficiente fermarsi in viale Piave 9, in questo indirizzo che è anzitutto una pasticceria ma anche un po' bistrot e luogo d'incontro. 

viale Piave 9
Sito

La Cupola e MIO Lab

Park Hyatt Milano ridisegna i propri spazi e, accanto all'eccellenza bistellata del VUN Andrea Aprea, inaugura il bistro La Cupola, con una proposta informale sempre ideale dal noto chef. Sempre all'interno del lussoso hotel, il MIO bar & bistro cambia: diventa MIO Lab e si concetra sul banco bar, riportando in città un fuoriclasse del bartending internazionale quale è Oscar Quagliarini

Park Hyatt Milano, via Tommaso Grossi 1
Sito

Pescaria

Dopo lo storico ristorante di Polignano a Mare e l'apertura super social di via Bonnet, Pescaria raddoppia e apre in via Solari. Il locale è decisamente più spazioso, mentre la proposta gastronomica rimane - per fortuna - quella che ha conquistato il pubblico meneghino: panini di mare, golose proposte di fritti, specialità raw

via Solari 12
Sito

Temakinho

Dopo i primi tre ristoranti milanesi, altri tre a Roma, e locali di Londra, Formentera, Ibiza, il primo brand di ristorazione certificato Friend of The Sea apre a due passi da Piazza Duomo. Roll, temaki, tartare e tanto altro: in un ambiente very cool e coloratissimo qui si mangia il più goloso sushi nippo-brasiliano

via Marconi 4
Sito

This is Not a Sushi Bar

Con questo piccolo locale composto da una manciata di sedute, This is not a sushi bar è alla sua quinta apertura. La filosofia è sempre quella: niente fronzoli e presunzione, come dichiara il nome  qui non si mangiano nigiri e hossomaki della tradizione ma le rivisitazioni del sushi più apprezzate dal pubblico milanese, che sceglie questo brand soprattutto per l'asporto

via Raffaello Sanzio 27
Sito

Segui Fine Dining Lovers anche su Facebook

Tags