Blog

News e Tendenze

Hot pot a Milano. La fondue cinese è il food trend del 2020?

Di il

Share
Hot pot a Milano. La fondue cinese è il food trend del 2020?
Foto 168 Chinese Township

Con il 2020 siamo entrati in un nuovo decennio e, che lo si voglia o no, ci siamo lasciati alle spalle i vecchi food trend. Ma quali saranno le tendenze pronte ad accoglierci nei "nuovi anni 20"? 

Se a livello globale siamo pronti a puntare su fermentazioni e farine alternative, a Milano - con qualche indirizzo sparso anche qua e là nel resto d'Italia -  è sicuramente il momento dell'hot pot.

Conosciuta anche come fondue cinese, questa tradizione gastronomica asiatica consiste nella cottura di pesce, molluschi, carne, vegetali crudi, tramite l'immersione all'interno di un pentolone di brodo caldo posizionato al centro del tavolo. 

Il brodo fumante (da scegliere in diverse varianti), la condivisione necessaria tra i commensali, la scoperta di sapori nuovi, ne fanno l'occasione perfetta per una cena all'insegna della convivialità e certamente una delle più papabili tendenze food che andranno a consolidarsi con il nuovo anno. 

Se infatti la proposta dell'hot pot non è nuova in assoluto, con qualche indirizzo che negli anni ha tentato, con poca eco, di proporla, magari con l'impiego fornelli elettrici da portare al tavolo, è solo ora che si stanno affermando locali asiatici ampi e cool che ne fanno il proprio cavallo di battaglia. E dettagli come tavoli già predisposti (con piastra elettrica incastonata nel tavolo nella maggioranza dei casi), isole per creare la propria salsa con decine di opzioni, arredamento con strizza l'occhio al design parla esplicitamente della volontà di aprirsi ad un pubblico occidentale. 

Vi abbiamo convinti a buttarvi in questa nuova esperienza? Scopriamo dunque i migliori indirizzi in cui gustarsi l'hot pot cinese a Milano

Hot pot: dove mangiare la fondue cinese a Milano

168 Chinese Township

Un imponente ristorante in zona Maciachini che accontenterà certamente chiunque abbia voglia di un'esperienza asiatica autentica. Questo labirintico indirizzo si divide in più aree, tutte arredate con cura, in un armonioso mix tra Cina imperiale e design moderno

Si ordina tramite tablet: la scelta è tra oltre 500 piatti cantonesi con influenze di Hong Kong, da quelli ormai più familiari, come dim sum e bao, a quelli più hardcore, come la lingua di anatra. La specialità è senza dubbio l'hot pot, con ottimi tagli di carne cruda (la lingua su tutti) ed una buona selezione di pesce e verdure pronti per l'immersione.

Il tavolo delle salse è ricco di opzioni e il brodo di funghi delizioso.

168 Chinese Township
viale Jenner 29, Milano
Sito

Ba Hot Pot

I diversi ambienti, tutti con un arredo attento al design, ne fanno certamente una meta adatta al pubblico milanese più curioso ed openminded. Che vi accomodiate su sedie rosse tra i mattoni a vista o su poltroncine imbottite tra tappezzerie esotiche, il protagonista del vostro pasto rimarrà sempre e solo uno: l'hot pot

La cucina del Sichuan che qui viene proposta è in gran forma. Basta scegliere il proprio brodo bollente anche di diverse tipologie (servite nella stessa pentola con alcuni divisori) e godersi sottilissime fettine di carne, verdure cinesi, tagliatelle di patate dolci e proposte più audaci come il sanguinaccio d'anatra.

La cordialità del personale ne fa un luogo accogliente.

Ba Hot Pot
viale Certosa 32, Milano
Sito

Carnivore Union 

Forse uno dei primi nomi a proporre l'hot pot in città, Carnivore Union vanta uno zoccolo duro di clienti affezionati e due indirizzi in città. Minimal ed accogliente il locale di via Padova, con tavoli già predisposti per la fonduta cinese; più spartano quello in zona Zara, con il fornelletto elettrico. Soluzione, quest'ultima, più pratica qualora i clienti decidano di mangiare altro.

Il menu infatti comprende anche una gran quantità di golosità asiatiche quali spiedini, ravioli, verdure sottaceto, udon, riso fritto e, per i più temerari, portate come rene di agnello e tendine di bovino. 

L'insegna è presente anche in altre città: Bologna e Torino, l'apertura più recente.

Carnivore Union
via Padova 26 - viale Nazario Sauro 5, Milano
Sito

Little Lamb

Due indirizzi anche per Little Lamb, uno in Chinatown, l'altro in zona Maciachini.

Qui si parla di fonduta mongola ma il principio è il medesimo: brodo (o selezione di brodi) caldo al centro del tavolo, carne e pesce crudo da immergere, una buona scelta di funghi e vegetali e salse d'accompagnamento. 

Un menu/tovaglietta usa e getta, su cui scrivere direttamente, facilita il processo d'ordine. 

Little Lamb
via Paolo Sarpi 8 - via Bernina 43, Milano
Sito

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags