Blog

News e Tendenze

Nuovi ristoranti, da Cracco a Barbieri le aperture più attese del 2014

Di FDL il

Share
Nuovi ristoranti, da Cracco a Barbieri le aperture più attese del 2014
Foto Luciano Furia

Non solo nuovi food trend e nuove parole legate al cibo: l'apertura dei ristoranti più attesi del 2014 ha visto gli chef famosi impegnati in nuove avventure gastronomiche in Italia e all'estero. Se non volete perdere neanche un appuntamento del calendario più gustoso dell'anno, ecco tutto quel che è successo nel 2014: senza dimenticare di dare uno sguardo alle nuove aperture di ristoranti previste per il 2015.

Carlo Cracco, Segheria di Carlo e Camilla (Milano)

"Nel 2014 vorrei aprire un ristorante dove stare semplicemente bene, con più verità": così Carlo Cracco ha descritto in un'intervista la sua nuova avventura low cost milanese, fatta di piatti basic e ingredienti di qualità per incontrare il gusto di tutti. Il suo nuovo locale sarà sui Navigli di Milano e la location post industriale: una vecchia segheria ospiterà la formula a metà fra un bar, un ristorante e un bistrot.

Apertura prevista entro la fine dell'inverno 2014.

Viviana Varese e Sandra Ciciriello, Eataly (Milano)

Doveva essere una delle novità dell'autunno 2013 milanese, ma i problemi dell'apertura di Eataly Milano hanno rimandato l'inaugurazione del ristorante di Viviana Varese e Sandra Ciciriello: dopo aver lasciato via Adige per il progetto di Oscar Farinetti, la chef si è temporaneamente trasferita a Eataly Roma per il suo Alicette Osteria, temporary restaurant.

Apertura prevista nei primi mesi del 2014.

Matteo Baronetto - Del Cambio (Torino)

Dopo 18 anni Matteo Baronetto ha deciso di lasciare l'insegna di Carlo Cracco e spostarsi nella vicina Torino per dirigere le cucina dello storico locale Del Cambio: chiuso per una lunga ristrutturazione, il ristorante punta al rilancio come nome importante dell'alta cucina. Il locale preferito da Cavour riaprirà cercando di fondere la storia del luogo alla creatività dello chef Baronetto.

Apertura prevista per il 2014, dopo i primi rumors che davano tutto pronto in tempo per la fine del 2013.

Bruno Barbieri (Bologna)

Torna a casa Bruno Barbieri: dopo l'addio al ristorante londinese Cotidie lo chef emiliano ha annunciato di voler aprire nel 2014 un ristorante a Bologna. In un'intervista Barbieri annunciava il desiderio di aprire "trattoria scalcagnata, con i bicchieri spaiati e i vini in caraffa, una cosa alla buona, stile anni settanta, ma con tagliatelle e crescentine bomba". Il giudice di Masterchef non sarà una presenza fissa in cucina, ma il suo team sarà sempre lì mentre lo chef si dividerà fra i suoi tanti impegni. Del progetto non si sa ancora molto, ma indiscrezioni bolognesi dicono che dovrebbe partire proprio da Casa Godot in via Cartolerie, storico locale della "Grassa" in pieno centro storico.

Apertura annunciata per il 2014, ma al momento non ci sono ancora conferme.

Gino Sorbillo, Lievito Madre (Milano)

Il mago della pizza napoletana Gino Sorbillo arriva a Milano alle spalle del Duomo (Largo Corsia dei Servi), dopo l'apertura a Napoli del nuovo concept Lievito Madre. Nel 2014 toccherà alla città meneghina assaggiare la pizza napoletana versione gourmet, in collaborazione con un altro mago della pizza partenopea Gennaro Salvo.

Apertura imminente: i lavori sono iniziati a fine 2013 (in copertina).

Heinz Beck, Social Heinz Beck (Dubai)

Il nuovo ristorante dello chef Heinz Beck sarà a Dubai, nel nuovo hotel di lusso Waldorf Astoria Dubai Palma Jumeirah: lì lo chef partirà con una nuova avventura e un ristorante che scommette sulla dimensione social, sulla condivisione dell'esperienza di gusto, cercando di coinvolgere i clienti il più possibile in modo interattivo.

Apertura prevista nel 2014

Massimiliano e Raffaele Alajmo, Caffè Alajmo (Parigi)

Metti due italiani con tre Stelle Michelin a Parigi, nel passage che porta a Montmarte: è il nuovo progetto degli Alajmo che questa primavera apriranno il loro sesto locale. Nuovi piatti pensati dallo chef Massimiliano per un nuovo format ristorativo, concettualmente più vicino ai bistrot parigini.

Apertura prevista per la primavera 2014.

E ancora, ecco cosa potrebbe accadere nel 2014:

  • Massimo Bottura e Oscar Farinetti insieme per il progetto di un ristorante italiano a Istanbul: lo hanno dichiarato gli interessati durante un incontro lo scorso novembre. L'idea dovrebbe basarsi sul meglio della tradizione italiana.
  • Eugenio Boer, dopo Enocratia, è pronto per una nuova avventura milanese: presto potrebbero arrivare news sul suo prossimo ristorante. Intanto alcuni dei suoi piatti si possono trovare e gustare all'Elita Bar, dove ha curato personalmente il menu.
  • Yoji Tokuyoshi, sous chef di Massimo Bottura, potrebbe essere pronto per un progetto tutto suo. Tanti rumors che ancora attendono una conferma ufficiale.
  • Gianluca Fusto potrebbe essere pronto ad aprire un locale nel 2014: se confermata, la notizia si candida ad essere fra le più dolci dell'anno.

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags