Blog

News e Tendenze

C'è chi va e c'è chi viene: i nuovi ristoranti degli chef e tutti gli spostamenti

Di FDL il

Share
C'è chi va e c'è chi viene: i nuovi ristoranti degli chef e tutti gli spostamenti

Nel mondo dell'alta cucina nulla rimane immutato: gli chef famosi si spostano, cercano nuove sfide e dicono addio ai ristoranti che li hanno aiutati a crescere, non senza un velo di tristezza, s'intende.

Diamo quindi un occhio più ravvicinato alle nuove aperture degli chef, agli spostamenti e ai cambi di guardia.

Vi interesserà sapere, come se ancora non l'aveste notato, che Milano è il polo che attrae la maggiorparte dell'alta ristorazione italiana: qui molti stellati o volti celebri della cucina gourmet inizieranno nuove avventure in concomitanza con l'inizio dell'Expo Milano 2015.

Grande occasione o grande azzardo? Lo scopriremo solo dopo ottobre 2015.

Intanto date uno sguardo ai nuovi ristoranti in procinto di aprire e a tutti gli spostamenti dei grandi chef.

ANTONIO GUIDA DA NOVEMBRE AL MANDARIN ORIENTAL
Lo chef pugliese aveva appena festeggiato i suoi 12 anni presso Il Pellicano ristorante all'interno della struttura di lusso toscana. Ma Milano chiama, e Antonio Guida dopo aver detto addio alla Toscana, dal 10 novembre sarà ufficialmente in carica nel nuovo ristorante all'interno del Mandarin Oriental in Porta Nuova. Chi non ha mai provato la cucina bistellata dello chef potrà rifarsi a Milano a partire dalla primavera del 2015, apertura prevista della struttura.

Foto: ©www.hotelchatter.com

PERBELLINI E IL SUO NUOVO RISTORANTE A VERONA
Cambio di location per lo chef due stelle Michelin Giancarlo Perbellini, che da Isola Rizza si sposterà a Verona. Ristorante Perbellini è stato lasciato in gestione alla bravissima moglie Paola Secchi e allo chef Francesco Baldissarutti. A Verona invece lo chef continuerà la sua attività a Casa Perbellini, in una location più intima da circa 20 coperti in Piazza San Zeno nel cuore della città veneta. Apertura prevista a fine novembre.

SARA PRECERUTI DICE ADDIO AL LA LOCANDA DEL NOTAIO
Una stella Michelin, tanti riconoscimenti come quello di Miglior Chef Donna per la Guida Identità Golose 2014. Ora Sara Preceruti lascia il ristorante che l'ha portata nell'Olimpo delle giovani chef più apprezzate d'Italia. Dopo aver chiuso la stagione in corso il 31 ottobre, come si legge sul sito di Identità Golose, la chef lascia il ristorante e dichiara "Dopo dieci anni e mezzo ho bisogno di nuovi stimoli e di rimettermi in gioco".

LA MANTIA APRE A MILANO

Quindici anni passati a Roma, e adesso in vista dell'Expo Milano 2015 un progetto tutto menghino. Filippo La Mantia aprirà il suo nuovo ristorante in quello che é (o era) il Gold, il ristorante di Dolce&Gabbana, che hanno ceduto a lui l'attività, ma non le mura. Come si legge in questa intervista l'attività partirà da fine febbraio, e la formula probabilmente prevederà al piano inferiore uno spazio aperto più stile bistrot, mentre al piano superiore il ristorante vero e proprio. 

TAGLIENTI A PALAZZO PARIGI?

È aperto da poco più di un anno Palazzo Parigi, e a cadenza trimestrale la gestione del suo ristorante fa parlare di sè e dei suoi "papabili" chef. La struttura alberghiera di lusso in Porta Volta, infatti, non è ancora riuscita ad imporsi sul panorama ristorativo. Dopo aver adocchiato il tristellato Niko Romito, il prossimo chef potrebbe essere Luigi Taglienti. Lo chef ligure, lo ricordiamo, ha da pochissimo concluso la sua esperienza al Trussardi alla Scala ed è plausibile che voglia rimanere a Milano, in una struttura di pari livello.

RICCARDO ORFINO A EATALY NEW YORK
In questa intervista Riccardo Orfino spiegava bene quanto fosse stato importante per lui LadyBù, ristorante milanese sotto la direzione creativa del duo Negrini e Pisani (Il Luogo di Aimo e Nadia); un trampolino importante per lo chef, che adesso volerà a New York da Eataly. Al suo posto Niccolò Rizzi, che arriva come Riccardo dalle cucine de Il Luogo di Aimo e Nadia

SEBASTIANO LOMBARDI A IL PELLICANO
Ancora Puglia a Il Pellicano: dopo l'addio di Antonio Guida arriverà il 38enne Sebastiano Lombardi, precedentemente a Il Cielo ad Ostuni. Intanto Il Pellicano perde una stella nella nuova Guida Michelin 2015, cambiamento fisiologico quando uno chef lascia il ristorante. Da aprile 2015 Sebastiano inizierà il suo percorso per mantenerla. 

Tags