Blog

News e Tendenze

'Journey of Water': la cena di S.Pellegrino ispirata alla terra

Di il

Share
'Journey of Water': la cena di S.Pellegrino ispirata alla terra

Il nuovo progetto, Journey of Water, firmato S.Pellegrino vede la partecipazione di tre designer che hanno reinterpretato l'iconica etichetta S.Pellegrino, rappresentando un diverso stadio della ciclica 'journey' dell'acqua. 

I designer - Neri&Hu per la Cina, Steven Haulenbeek per gli Stati Uniti e Philippe Nigro per la Francia - sono stati selezionati dal celebre architetto italiano Giulio Cappelini, e per tutta la Milan Design Week in scena proprio in questi giorni, le tre bottiglie in edizione limitata sono state presentate al pubblico in una cornice speciale: tre cene nell'headquarter di Cappellini, curate da tre top chef locali che hanno interpretato il lavoro dei designer e l'hanno trasposto nel piatto attraverso un menu ad hoc.

La prima delle tre cene ha visto la partecipazione di Matias Perdomo, chef di Contraste, una stella Michelin, che ha creato un menu di quattro portate ispirato al design 'nuvola' realizzato da Neri&Hu, a base di spuma di Parmigiano, soufflé di cocco e un rimando alla pellicola Pulp Fiction. 

Nella secondo delle tre serate, sarà lo chef Daniel Canzian del ristorante omonimo di Milano a proporre la sua interpretazione con un menu di otto portate ispirato al design di Steven Haulenbeek a tema 'Terra' - una piramide invertita di linee che si dipanano dalla famosa stella rossa, logo di S.Pellegrino, che rappresenta la normale infiltrazione dell'acqua nella terra. 

“La terra è materia. La materia è sostanza. La terra è nata, continua a svilupparsi e trae le sue forme proprio dall'acqua. E' tutto correlato", ha commentato chef Canzian a proposito del tema del suo menu, intitolato 'Towards Purity' (Verso la purezza).  

Nelle foto potete ammirare il menu della cena, con alcune note condivise da Canzian. La terza e ultima cena vedrà invece coinvolto lo chef Davide Oldani che affronterà il tema del designer francese Philippe Nigro per una cena incentrata sulle 'Bolle', prima che Journey of Water parta alla volta di alcuni dei maggiori poli del design, in un tour che porterà il progetto di S.Pellegrino in giro per il mondo. 

TOWARDS PURITY – IL MENU DI DANIEL CANZIAN 

Chicche and bon bon opening | Entrée di chicche e bon bon opening

Steamed egg with specks of golden onion | Uovo al vapore con allumettes di cipolla dorata
Un piatto in cui gli ingredienti cambiano con la luce: l'uovo, simbolo di vita, diventa solido grazie alla cottura che lo trasforma.

Pan bagnat
Un pane bagnato nel pomoro. L'acqua arricchisce e nutre tutti gli elementi della terra: il pomodoro, in forma liquida, trasforma il pane in un piatto ricco di gusto e aromi. 

Hydration ... from lost bread to cappuccino | Idratazione... dal pane raffermo al cappuccino
Il pane raffermo, che non è più edibile, vive una seconda vita grazie al brodo. Il brodo non è altro che acqua arricchita di ingredienti crudi che vengono direttamente dalla terra. 

In open countryside | In campagna
L'asparago, frutto della terra e ortaggio stagionale, acquista gusto e fragranza grazie a nuovi sapori come la maionese, la salsa di pomodoro, il prezzemolo e il nero di seppia. 

Rice ... a land of water  | Riso... terra d'acqua
Il riso è terra, materia, che non esisterebbe senza l'acqua. Il risotto in questo caso viene trasformato in un piatto raffinato grazie all'acqua di cottura.

An ‘aquapazza’ | Un''acquapazza'
Lo snapper esprime tutto il suo carattere grazie all'acqua, "acquapazza"! Preparata come da tradizione con olive, pomodori, rosmarino e basilico, l'acqua in questo piatto conclude il suo ciclo, trova un sapore nuovo e vive una seconda vita. 

Chocolate ball tribute to ‘Arnaldo Pomodoro’ | Tributo di cioccolato ad Arnaldo Pomodoro
La sfera è materia, contiene in nuce la 'terra' e grazie alla componente liquida cambia forma e sostanza. Gli elementi solidi e liquidi si fondono e creano un gusto nuovo in bocca. 

Da sinistra a destra: Steven Haulenbeek, Giulio Cappellini and Daniel Canzian - Tutte le foto sono di Luca Rotondo.

 

 

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

 

 

Tags