Blog

Smart Box

"Beatle in the box", come trasformare gli insetti in cibo gourmet

Di il

Share
"Beatle in the box", come trasformare gli insetti in cibo gourmet

Nel 2050 saremo più di 9 miliardi di persone sul pianeta e dovremo affrontare la realtà delle scarse risorse alimentari. Gli esperti hanno suggerito la pratica di mangiare insetti - l'entomofagia - come una delle soluzioni a questa carenza alimentare globale.

Beatle in the box è un progetto di due fotografe italiane, Michela Benaglia ed Emanuela Colombo, in collaborazione con una cuoca e una biologa, che esplorano e normalizzano la pratica di mangiare insetti in una serie di splendide immagini di still life.

La serie presenta piatti popolari realizzati con insetti, che vengono così ad assumere un ruolo di protagonisti: grilli, locuste, falene e camole sono presenti in una serie di deliziose ed eleganti ricette per gazpacho, tagliatelle, tacos e tanto altro, evidenziando il potenziale culinario degli insetti commestibili nel menu.

Scoprite di più sul progetto dal racconto delle due fotografe e godetevi la selezione di immagini qui di seguito.

Scones ripieni di creme colorate con caimani

Zuppa di miso con bachi da seta

Cosa vi ha spinto a intraprendere questo progetto e qual era il vostro obiettivo?

Abbiamo scoperto che una nuova legge sui nuovi prodotti alimentari è entrata in vigore nel 2018 per facilitare la vendita e la fornitura di insetti all'interno dell'Unione Europea. La legge allinea tutti gli Stati membri con l'Olanda e il Belgio, dove i prodotti a base di insetti sono già in vendita nei supermercati da molto tempo. Nel 2050 ci saranno più di 9 miliardi di persone che vivono su un pianeta con risorse sempre più scarse, meno terra arabile e disponibile, inquinamento idrico, deforestazione causata dal pascolo e dal surriscaldamento del clima globale. Come possiamo sostenere una situazione del genere? Gli insetti rappresentano una delle risposte possibili, che circolano tra gli esperti di alimentazione e di nutrizione da tutto il mondo. Oltre 2 miliardi di persone usano già gli insetti per scopi alimentari e le specie commestibili sul mercato sono oltre 1.900.

    Gazpacho con gremolada di grilli

Tagliatelle con farina di grilli

Il vostro è stato un progetto fotografico collaborativo: come avete deciso chi faceva cosa?

È stato facile, in realtà. Io (Emanuela) sono "specializzata" nella fotografia di animali in studio, quindi era chiaro che avrei fotografato gli insetti / ingredienti. Michela, invece, ha iniziato come graphic designer e ha anche esperienza nella fotografia di cibo, quindi ha scattato le foto dei piatti. Michela, che è anche una bravissima produttrice di video, ha anche fornito le riprese delle preparazioni dei piatti, il che sembrava indispensabile per dimostrare che questi piatti appetitosi sono stati realizzati utilizzando gli "ingredienti / insetti" che mostriamo.

Crema al cioccolato con amaretti e scorpione

Tortine di verdure al forno con tarantola essiccata

Quali sono state le maggiori sfide che avete dovuto affrontare durante il progetto?

È stato abbastanza difficile trovare insetti vivi e poterli fotografare. Un grillo o una locusta si muovono molto velocemente e non sono molto disposti a posare! Era anche difficile trovare uno chef che fosse coinvolto in "entomofagia" e che fosse in grado di preparare piatti desiderabili con i nostri ingredienti. Alla fine, abbiamo collaborato con le ragazze di Entonote, con i risultati "gustosi" che potete vedere nelle immagini.

Mini tacos con avocado e falena al miele

Gnocchi di patate con camole su spaghetti di zucchine

Avete scelto di mostrare il progetto come una serie di “dittici” - con insetti e piatti mostrati fianco a fianco - oltre alla ricetta, perché?

In quanto europei, siamo stati condizionati sin da piccoli a pensare che gli insetti siano brutti e "disgustosi". Questo condizionamento, soprattutto, deriva da come appaiono, rendendo impossibile per noi pensare che un insetto possa essere mangiato e possa anche essere appetitoso. L'idea alla base del progetto era quella di giocare su questo condizionamento e mostrare come un "disgustoso insetto" potesse trasformarsi in un piatto "appetitoso", che tutti mangeremmo se non sapessimo che dentro avremmo trovato le "bestie" mostrate a fianco. Le ricette mostrano come i piatti con gli insetti possano essere "normali", ma anche come possano essere cucinati da tutti.

Mini pancake con cioccolato sciolto alla locusta

Involtino vietnaminta con locusta migratoria, fiori ed erbe aromatiche

Da dove vengono le ricette / gli insetti, avete collaborato con un biologo per la selezione degli insetti e con uno chef per preparare i piatti?

Come già accennato, abbiamo collaborato con le ragazze di Entonote, un'associazione con sede a Milano che da anni si occupa di diffondere l'entomofagia in Italia e che organizza cene a tema per i membri del club.

Quale piatto è stato il vostro preferito e perché?

Il mio piatto preferito - risponde Emanuela - è la pasta fatta in casa con farina di grilli. Sono europea e, anche se credo che gli insetti siano il futuro del cibo per sopravvivere e aiutare il pianeta, l'idea di mangiare qualcosa a forma di locusta o di falena o di ape è un po' disgustosa... anche per me. In questa pasta, i grilli sono stati polverizzati e quindi non sono più identificabili, il sapore ricorda le castagne, quindi riconoscibile e "accessibile". Buono!

Uovo all’occhio di bue con caviale di formica

Michela Benaglia, Emanuela Colombo

Progetti futuri legati al food che vorreste condividere con noi?

Al momento non abbiamo in mente altri progetti che hanno come protagonista il cibo, anche se il processo di crescita della carne in laboratorio ci affascina molto... chissà.

Tutte le immagini © Michela Benaglia - Emanuela Colombo

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags