Fabrizio Tesse

fabrizio-tesse-chef
fabrizio-tesse-chef

Fabrizio Tesse

Classe 1978 e vincitore dell'Award Excellence 2011: Fabrizio Tesse, milanese di nascita, è lo chef della storica Locanda di Orta di Orta San Giulio, provincia di Novara. Nel suo passato esperienze importanti in diverse cucine stellate, esperienze all'estero e nove anni al fianco del noto chef Antonino Cannavacciuolo del ristorante Villa Crespi. Prende in mano le redini della cucina della storica locanda di Orta San Giulio nel 2012, che riapre dopo due anni di ristrutturazioni. Una cucina, quella di Fabrizio, personale e moderna, ma che non dimentica i gusti codificati e l'importanza della tradizione. Chiedetegli di quali materie prime non potrebbe mai fare a meno, e lui vi risponderà l'olio d'oliva ligure e il pesce, di lago e di mare. Fra i suoi piatti da non perdere il Filetto di trota salmonata marinata agli agrumi, yogurt, puntarelle e olive ammaccate e il Trancio di luccio perca, trippa di vitello e risina di Spello, salsa al Porto rosso e cipolla candita.

Le mie coordinate
L45°N L08°E
Il piatto che più mi rappresenta
Trota salmonata agli agrumi, yogurt, barba dei frati, olive ammaccate
Per me la felicità ha il sapore di…
Coniglio alla "Sanremasca"
Il mio comfort food
Il tartufo bianco piemontese
Non ho mai assaggiato…
Rettili ed insetti
La mia canzone preferita
"Anna e Marco" di Lucio Dalla
Un collega che stimo
Fabio Barbaglini
Una destinazione enogastronomica che consiglio
Le Langhe
Il libro di cucina "Italia Buon Paese" di Clara e Gigi Padovani

LEGGI TUTTO
Ultimi
Articoli
Ricette
la-locanda-di-orta-ristorante-novara
Articolo
La Locanda di Orta: il ristorante in riva al lago fra colore e tradizione
Lo chef Fabrizio Tesse vi aspetta nel ristorante a Orta San Giulio (Novara) 'La Locanda di Orta' con i suoi piatti che uniscono sapori codificati e creatività.
fabrizio-tesse-chef-intervista
Articolo
Fabrizio Tesse: "Sì al nuovo, ma con sapori codificati"
FDL intervista Fabrizio Tesse, chef della "Locanda di Orta" (No), che punta sui codici tradizionali: "Il palato deve accorgersi di quello che sta assaggiando".