fritto-misto-piemontese

Fritto misto alla piemontese

Il fritto misto alla piemontese è un ricco piatto unico in cui si incontrano carni, frutta e ortaggi. Scopri gli ingredienti necessari alla sua preparazione.

30 Ottobre, 2020
Average: 1.7 (6 votes)

Tipo di Piatto

Cucina

Stagione & Occasione

porzioni

4

Tempo Totale

1 HR 4 MIN

ingredienti

Zucchero
200 g
Semola
125 g
Latte
0,5 l
Limoni
1, scorza
Sale
Vitello
4 bistecchine
Carne Macinata
4 polpettine
Animelle
1, di vitello
Filoni di Vitello (Schienali)
200 g
Cervella di Vitello
1/2
Fegato
4 fettine
Salsiccia
4 pezzetti
Amaretti
4
Mela
1, a fette
Pere
1, a fette
Fiori di Zucca
4
Uova
4
Pangrattato
Olio Exravergine di Oliva
Sale

Preparazione

Ricetta del fritto misto alla piemontese

Come preparare il semolino

1. Portate ad ebollizione il latte con lo zucchero e la scorza di limone grattugiata e aggiungete a pioggia la semola amalgamandola con la frusta.
2. Cuocete per cinque minuti, rovesciate in uno stampo e lasciate raffreddare per un giorno.

Ecco la ricetta del semolino dolce fritto completa.

Come preparare il fritto 

1. Sbollentate le cervella, i filoni e il lacetto per tre minuti e scolateli.
2. Tagliate tutte le carni a fettine e il semolino freddo a losanghe.
3. Infarinate gli amaretti, le mele, le pere e le banane.
4. Sbattete due uova, immergete i semolini gli amaretti, le mele, le pere e le banane infarinati e passate il tutto nel pane grattugiato.
5. Passate le carni nelle altre due uova sbattute e nel pane grattugiato.
6. Amalgamate l’uovo con la carne tritata, il parmigiano grattugiato, il pepe; formate delle polpettine ed infarinatele.
7. Fate friggere tutti gli ingredienti impanati in una padella di ferro, con olio extravergine di oliva bollente: prima il dolce, poi il salato, curandovi di cambiare olio ogni volta.
8. A parte, rosolate il fegato infarinato per 3’ e la salsiccia bucandola con una forchetta.
9. Servire il fritto misto piemontese caldissimo
10. Salare alla fine. 

 

Ricetta culurgiones sardi

Culurgiones sardi, la ricetta originale dell’Ogliastra

Ricetta successiva