Blog

Dritte in cucina

Come cucinare i cavoletti di Bruxelles: idee e ricette fantasiose

Di FDL il

Share
Come cucinare i cavoletti di Bruxelles: idee e ricette fantasiose
Foto Stockfood

I cavoletti (o cavolini) di Bruxelles sono degli ortaggi molto saporiti e che si prestano a molte ricette golose, vegetariane e non solo. Sono i germogli commestibili della pianta erbacea Brassica oleracea L., varietà che appartiene alla famiglia delle Crucifere (a differenza del cavolfiore e del broccolo che invece sono i fiori della pianta).

La coltivazione è molto diffusa nel nord Europa poichè la pianta si adatta bene ai climi freddi e si dice sia iniziata nelle zone limitrofe a Bruxelles (ed ecco svelata l'origine del nome!). 

Le proprietà nutrizionali dei cavoletti di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono ortaggi poco calorici: apportano circa 40 calorie per 100 grammi. Sono costituiti al 45% da proteine, al 43% da carboidrati e al 12% da lipidi.

Sono ricchi di fibre e antiossidanti, vitamina K, vitamina C, per la sintesi del collagene, vitamina A e la vitamina E, importanti per la salute della pelle. Inoltre contengono potassio, fosforo, selenio, calcio e magnesio.

Ulleo - Pixabay

Cavoletti di bruxelles al forno

I cavoletti di Bruxelles si prestano ad essere cucinati in tanti modi. Tra le cotture che vi suggeriamo c'è quella al forno. Basterà pulire e mondare i cavoletti di Bruxelles, e sbollentarli per 2 o 3 minuti in acqua bollente. Una volta cotti e scolati, si fanno saltare con burro in padella per 2 o 3 minuti in modo che si insaporiscano. I più golosi potranno aggiungere pancetta o striscioline di speck. A questo punto si passa il contenuto della padella in una pirofila, si copre con abbondante formaggio grattugiato, qualche ricciolo di burro e si cuoce a 250 gradi per 10-15 minuti. Si servono ben caldi.

Pixabay

Cavoletti di Bruxelles in padella

Anche per la cottura in padella è consigliato sbollentare i cavoletti di Bruxelles per 2-3 minuti in acqua bollente. Dopo averli fatti ammorbidire, si scolano e si passano in padella, dove avrete fatto imbiondire la cipolla o lo scalogno. Fate saltare a fuoco alto per circa 5-6 minuti, aggiustate di sale e pepe e servite in accompagnamento a piatti di carne. Se non volete sbollentare i cavoletti, potete partire dal soffritto, aggiungere i cavoletti e poi bagnarli pian piano con il brodo vegetale, fino a completa cottura. 

Cavoletti di Bruxelles lessati e al vapore

I cavoletti di Bruxelles sono ottimi lessati per 3-4 minuti in acqua bollente, scolati e conditi semplicemente con un filo di olio extravergine di oliva, sale e pepe. Possono essere tagliati a pezzetti e usati per arricchire una fetta di buon pane tostato. Se preferite la cottura a vapore, che permette di non disperdere nell'acqua alcune sostanze nutritive, ecco come fare: tagliate i cavoletti a merà e cuoceteli in una vaporiera - o in un'apposita pentola con cestello - per circa 7-8 minuti, fino a quando non diventeranno teneri

Ricette light con i cavoletti di Bruxelles

I cavoletti di Bruxelles sono ottimi per un pasto leggero: provateli con la quinoa o con l'orzo lessati, magari in abbinamento con qualche pomodorino tagliato a metà, foglie di basilico e un po' di feta "sbriciolata" per dare sapore.

GerdSchiffler - Pixabay

La versione più light in assoluto - a patto di non esagerare con i condimenti - è la vellutata di cavoletti di Bruxelles. Lessateli in poca acqua o brodo vegetale (in modo che siano coperti dal liquido), fate cuocere una decina di minuti e poi frullate il tutto. Se volete, potete aggiungere una piccola patata per rendere la zuppa più "spessa" e qualche foglia di spinaci freschi per un colore ancora più acceso.

Se cercate un'idea per un antipasto vegetariano spalmate una fetta di pane con formaggio spalmabile a basso contenuto di grassi e aggiungete i cavoletti di Bruxelles lessati, tagliati a pezzetti e conditi con un filo di olio extravergine di oliva. Ricordate che, perché una ricetta sia davvero light, non bisogna esagerare con le dosi e soprattutto con i condimenti (olio, salse, ecc.).

Segui FineDiningLovers anche su Facebook

Tags