I 12 ristoranti indimenticabili da raggiungere (anche) in bicicletta

31 Luglio, 2014

La frescura della collina sarà la compagna perfetta vostro pranzo. Un tripudio di specialità regionali (tartare di fassone, tonno di coniglio, tagliatelle alla langarola) che vi farà passare la voglia di tornare indietro, per rimanere a godervi la calma sotto un meraviglioso pergolato.

PADOVA -

Non è difficile, in bicicletta da Padova, raggiungere il ristorante tristellato della famiglia Alajmo: il loro risotto allo zafferano con polvere di liquirizia vi farà dimenticare qualsiasi fatica. Per occasioni davvero specialissime.

BORDIGHERA (IM) -

La cucina di mare di Romolo Giuliano lascia estasiati, dai calamaretti saltati con i carciofi al cous cous di mare fino al merluzzo fresco. Perfetto dopo un bagno in mare e per iniziare bene una giornata in spiaggia.

BOLOGNA - 

I sapori del territorio rivisitati con stile e arricchiti dai prodotti dell'orto nato grazie al crowdfunding. Menù stagionale che non delude mai e si basa sul principio del km0. Arrivare in bicicletta, anche se faticoso, è un modo di dare senso a tutta l'iniziativa. L'appetito verrà certamente accontentato.

FIRENZE - 

Il ristorante è all'interno di una splendida villa rinascimentale con 20 ettari di giardino e una vista mozzafiato sulla città e sulle colline. La cucina offre i piatti della tradizione reinterpretati in chiave moderna a seconda della stagionalità delle materie prime. Indimenticabile.

ANCONA -

Un posticino delizioso con vista sul mare della riviera del Conero, luogo perfetto per chi ha scelto le Marche come meta delle vacanze. La cucina propone menù di terra, mare e anche vegetariano. I piatti sono curati e seguono le stagioni, riuscendo a non strizzare l'occhio ai tantissimi turisti che arrivano in zona con la bella stagione. 

ROMA - 

Il bistrot della Cooperativa Valle dei Casali vanta una cucina incentrata solo su prodotti biologici certificati di piccole aziende del territorio. La filiera corta e la stagionalità garantiscono un menù di grande qualità e freschezza. Un luogo capace di rielaborare la tradizione romana raccontare la Capitale con uno sguardo diverso.

NAPOLI -

Sei a Napoli e ci sono il mare, il sole e la tua bici: non te la vuoi mangiare una bella pizza di Gino Sorbillo? Ci sono solo 7 pizze in menù, ma indimenticabili grazie a impasto perfetto e ingredienti di altissima qualità: bufala, ciccioli e ricotta, capperi, olive nere e pomodorino fresco. Non mancano salumi, formaggi e tanti favolosi antipasti da mangiare sulla terrazza vista mare - e vista Capri.

POLIGNANO A MARE (BA) -

La cucina fresca del Mint si basa sulla materia prima pugliese, biologica e frescadando spazio al sapore semplice e naturale dei prodotti. Il menù cambia ogni giorno, così avrete ogni volta un buon motivo per tornare. 

CAPRI LEONE (ME) -

Non è proprio dietro l'angolo se siete a Messina, ma da Sant'Agata di Militello ce la si può fare e ne sarà davvero valsa la pena. La vista sul mare con le colline alle spalle e un menù attento alla materia prima, che ripensa la tradizione, ripagano ogni sforzo. 

 Con ingredienti freschi di giornata, prediligendo la materia prima pugliese, biologica o calmenorispetta i cicli della natura.

Tto preparato in maniera semplice, finalizzato ad esaltare e non alterare i sapori dei prodotti

desco-ristoranti-verona

Il Desco di Verona: l'alta cucina stellata in una location indimenticabile

Articolo successivo